In Valdonega

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
In Valdonega
1911
←  Le rime de novembre Edission e fonte ▼ La bionda in piassa  →
[p. 89 modifica]
In Valdonega


È una piccola valle che si
apre a settentrione di Verona.


Questi sonetti furono scritti
per la Signorina Gina Veronesi
in occasione delle Sue nozze
col Signor Francesco Apollonio,
celebrate in Verona.
[p. 90 modifica] [p. 91 modifica]


I.


     Ci l'è che porta sta canson dal monte,
sta canson che me sveia e me inamora?
L'è un coresin che passa e che se indora
al sol che bate le stradete sconte;

     l'è un cor de montanina che tra fora
la so canson fra le tirele1 pronte,
soto al sol che pitura anca le ponte
de du campanileti che laóra.

     Ci l'è che me rasona drio a sto verde,
e brontolando tira drito e core
drio le rive che scapa2 e che se perde?

     L'è un vagabondo che no g'à mai casa,
l'è un fosseto3 che passa e che discore,
tra du rosari freschi che se basa.

[p. 92 modifica]


II.


     Così, tra la canson de montanina
e quel fosseto che se fa la strada,
passando soto a rame che se inchina,
me trovo a spasso in meso a la valada:

     L'è 'na gondola; el par che la se nina
dal gusto d'essar tuta immerletada;
la se piase parchè l'è picinina
come 'na bomboniera impiturada.

     Gh'è le vignete che se core a drio,4
co i albari che i g'à tra rame e foie
'na fameia dei osei che se fa el nio;

     e tra du cai de 'na tirela rota,
gh'è su 'na corda de le pesse moie,
che le se suga5 soto al sol che scota.6

[p. 93 modifica]


III.


     Me guardo a tomo; Vedo 'na ceseta,7
che g'à paura de scotarse al sol;
par quasi che la g'abia 'na giacheta
imbotonada streta in fin sul col.

     E più in là se fa védar 'na caseta
tuta bianca compagno de un ninsol,8
la vol far la smorfiosa e la siveta,
ma gh'è du pigni grandi che no i vol!

     De drio a le rame de 'na pianta grossa,
fuma e scende al vento un camineto;
e 'na casa più in soto tuta rossa

     da la vargogna d'èssar massa in mostra,9
al s'à fato un contorno de boscheto,
che ghe dà ombra e che ghe fa da giostra.

[p. 94 modifica]


IV.


     Dentro a un restel10 gh'e un orto che se sconde,
tra 'na gran sesa11 e tra du muri veci:
gh'è i pomidoro e gh'è do suche tonde
che se la va contando12 co i radeci.13

     Zo da un sentier fato de sassi e a onde,
va verso 'na fontana un par de seci,
che in meso al verde i sluse e i se confonde
ciari e lustradi ben come du speci.

     El sol prensipia a bàtar de traverso,
e un s-ciapo14 de oseleti i passa e i canta,
cascando in sima a un albareto perso.

     Mi camino pensando drio a un mureto,
dove che trovo piturà 'na santa,
soto a 'na rama che ghe fa baeto.

[p. 95 modifica]


V.


     E in fondo al monte sento che se move
qualche cosa e no so cosa la sia;
ma la me par una canson che piove,
soto a un'aria che gira e che no cria.

     Altri du passi e po' me cato dove
i pensieri più storti i scapa via,
me trovo a rente15 a de le cose nove,
torno a 'na testa che no l'è più mia.

     E tra el verde che ràmpega16 sul muro,
tra do pierete che ghe fa da rosta,
fora da un sito rovinado e scuro,

     gh'è 'na fontana che ogni giorno speta
'na gran note de luna che fa sosta,
par sognar le rosarie del poeta!

[p. 96 modifica]


VI.


     Bela fontana, fontana d'argento,
che da gran ani i t'à insegna a parlar,
dime parchè me guardo intorno a stento,
dime ci vien qua in fondo a respirar!

     «Quà vien 'na bionda che g'à el cor contento,
che la se cucia17 e la me vien basar;18
mi ghe guardo i cavei19 che i sgola al vento
e quei oci pescadi in fondo al mar.

     Quà de matina zuga20 le farfale,
soto a un cucio de osei che se la conta
e a mesogiorno canta le sigale;21

     e de note, che i par tanti lumini
co 'na fiameta che vol èssar sconta,
taca zugar a bona anca i slusini.»22

[p. 97 modifica]


VII.


     L'è sera e 'na sbutada d'aria fina
me la pensar che semo in tramontana,
e 'na pocia vissin la fontanina
la ghe iuta a cantar a qualche rana.

     Zo, a traverso la val gh'è che camina
la solita canson che se lontana,23
come el canto che porta 'na putina
in meso a i sogni che fa far la nana.

     Ci l'è che porta sta canson sul monte,
sta canson che se sveia e se indormensa?
L'è un cor che passa da stradete sconte,

     l'è un cor de montanina che inamora,
che 'l va sercando un loghetin che pensa
fra du campanileti che laóra.



Note
  1. tirele: viti
  2. rive che scapa: rive che fuggono
  3. fosseto: ruscelletto
  4. se core a drio: si rincorrono
  5. suga ― asciugano
  6. scota: brucia
  7. ceseta: chiesetta
  8. ninsol: lenzuola
  9. massa in mostra: troppo in vista
  10. restel: cancello
  11. sesa: siepe
  12. contando: raccontando
  13. radeci: radicchi
  14. s-ciapo: stormo
  15. a rente: vicino
  16. ràmpega: arrampica
  17. se cucia: si abbassa, s'inchina
  18. basar: baciare
  19. cavei: capelli
  20. zuga: giuocano
  21. sigale: cicale
  22. slusini: lucciole
  23. se lontana: si allontana