Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/97

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




I.


     Ci l'è che porta sta canson dal monte,
sta canson che me sveia e me inamora?
L'è un coresin che passa e che se indora
al sol che bate le stradete sconte;

     l'è un cor de montanina che tra fora
la so canson fra le tirele1 pronte,
soto al sol che pitura anca le ponte
de du campanileti che laóra.

     Ci l'è che me rasona drio a sto verde,
e brontolando tira drito e core
drio le rive che scapa2 e che se perde?

     L'è un vagabondo che no g'à mai casa,
l'è un fosseto3 che passa e che discore,
tra du rosari freschi che se basa.

  1. tirele: viti
  2. rive che scapa: rive che fuggono
  3. fosseto: ruscelletto