Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




V.


     E in fondo al monte sento che se move
qualche cosa e no so cosa la sia;
ma la me par una canson che piove,
soto a un'aria che gira e che no cria.

     Altri du passi e po' me cato dove
i pensieri più storti i scapa via,
me trovo a rente1 a de le cose nove,
torno a 'na testa che no l'è più mia.

     E tra el verde che ràmpega2 sul muro,
tra do pierete che ghe fa da rosta,
fora da un sito rovinado e scuro,

     gh'è 'na fontana che ogni giorno speta
'na gran note de luna che fa sosta,
par sognar le rosarie del poeta!

  1. a rente: vicino
  2. ràmpega: arrampica
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_veronesi_(Giovanni_Ceriotto).djvu/101&oldid=63898"