Della vanità dell'usanze, e delle false opinioni dell'honore

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Della vanità dell’usanze, e delle false opinioni dell’honore
Satira ottava.
1671
←  A Consigliero importuno. Sonetto 7 Edission e fonte ▼ Che vana è per il più l’opinione dell’honore. Sonetto 8  →
[p. 100 modifica]
Della vanità delle usanze, e delle false opinioni dell'honore.


SATIRA OTTAVA.


GRan cossa è questa, che no' possa l'Homo
     Far quel, che'l vuol, quando no'l fazza mal!
     L'hà libero l'arbitrio, e no'l ghe val?
     4Sia maliazo a chi hà magnà quel pomo.

No' ghe sarave zà de l'Ambizion
     Quela peste infernal, quel squarzacuor,
     Quel tormenteso stimolo d'honor,
     8Che ne liga le man, senza rason.

O gran magia, che de cervel ne priva,
     Se nù medemi andemo incontra a i mali!
     No' la posso capir. Frà i Animali,
     12L'Homo è 'l piu miserabile, che viva.

E pussibil che nù se fabrichemo
     Da nu medemi i lazzi, e le caene?
     Donca quel fumo, onde le teste è piene,
     16N'orba cussì, che piu no' ghe vedemo?

[p. 101 modifica]


Che Deità fantastica xè questa,
     Che vuol incensi, e adorazion pretende?
     O quanto mal l'humanità l'intende!
     20Come se puol gradir cossa molesta?

Posso viver, se vogio, in libertà,
     E a incadenar me vegno e man, e pie.
     Che razza de matierie è queste mie?
     24Se puol mai dar mazor bestialità?

Tuto mio, viver posso hore gioconde,
     Senza inutili pesi, in santa pase,
     E seguo un mal, che me lusinga, e piase,
     28E l'humana rason turba, e confonde.

Posso viver privato, a la remota,
     Con quietezza, e schivar posso l'invidia,
     E pien de boria (ò mia fatal perfidia!)
     32Tegno la mente a falso honor devota.

Posso bever el vin senza gravezza,
     Posso magnar el pan senza gabela;
     E pur me sforza ambiziosa stela
     36A far spesso al mio dano ogni carezza.

[p. 102 modifica]


Soni posso dormir dolci la note,
     Lontan da brame sregolade, avare;
     E pur m'agrada haver vezilie amare,
     40Per andar osservà sù piere cote.

In tugurio habitar posso, ch'è mio,
     Picolo sì, ma comodo a bastanza;
     E, per vane aparenze, a la sustanza
     44Vivo retroso, e al comodo restio.

Gran frenesia, che impresonar se dieba
     La volontà! quanto el giudicio è losco!
     Mo l'e pur megio esser Osel de Bosco,
     48(Co' se suol dir) ch'esser Osel de cheba.

Semo tirai, come se tira el sorze
     A stufo de lardelo, o d'onta crosta:
     Se andemo a incotegar da nostra posta:
     52Se core al trabuchel, ne se ne acorze.

Mo no' se amete certe usanze strambe,
     Che n'è de pena, e ne fà sempre guera?
     Cossa è le veste strassinae per tera?
     56No' xele intrighi, e impazzi de le gambe?

[p. 103 modifica]


E che coe! no' l'è miga de do dea,
     Ma de do quarte almanco! che cucagna!
     Che gran matierie! ò cancaro ne magna!
     60Che bel veder da pè tanto de lea!

Bela cossa è l'haver su'l petenechio
     Ligà una man, l'altra da drio la schena,
     Movendo el passo! ò mati da caena!
     64De Prudenza apanà misero spechio!

Che ve par de le scarpe a trabuchelo,
     Che per calcagno ha tanto de pandolo?
     Bela invenzion da scavazzarse el colo!
     68Che diseu? no' n'havemio un gran cervelo?

O che servizio bon per le buganze!
     O che unguento da cali! ò che bombaso!
     Chi soto l'ochio no' darave un baso,
     72A l'inventor de cussì bele usanze?

E de i mustàchi in su le scarpe tesi
     Che no' rideu? Confiderè quel passo,
     El ziro el caminar fà del compasso:
     76Perche da l'urto i no' romagna ofesi.

[p. 104 modifica]


Chi è, ch'habia seno, e possa mai sofrir
     Tanto drapo in braghesse, e tanto costo?
     Braghesse nò, ma cotole più tosto,
     80Una quarta zolae soto el pair.

No' basta haver l'istae veste, che sgorba,
     (Comadi certo sì, cari ormesini!)
     Che intorno havè, cargai, come Fachini,
     84Da impir sbrindoli, e gale una gran corba.

E i scovoloni de camisia al brazzo,
     Con quei tanti picandoli da mati,
     Chi puol sofrir? Ve par che in tola a i piati
     88El slongar de la man sia un bel solazzo?

Bel veder le cordele in salamora,
     E i rensi, e le cambrae sul caviaro!
     Come sto intrigo ve puol esser caro?
     92O che darve un Caval con la fersora!

E l'andar do, o tre volte ala stemana
     Soto el Barbier, per tormentar la barba,
     L'haveu per dolce, o per naranza garba?
     96Suso me vien adesso una fumana.

[p. 105 modifica]


L'è una bela delicia, un gran contento
     Quel star col colo storto un'hora almanco!
     M'ingrizzolisso, e vegno smorto, e bianco,
     100Quando a la gola un radaor me sento.

E fussela fenia! stassela quà!
     Bisogna che i mustachi in avantazo
     Sia guarentai, ne ghe fia fato oltrazo:
     104L'è 'l dover de guardar quel, che se fà.

Ve convien star descomodi la note:
     Perche la pieta no' i desconza, e toca,
     E haver destrezza in forbir naso, e boca.
     108Quante paure! ò quante se ne ingiote!

Ma che diseu de grazia de le Done,
     Che soto le pezzete xè impegnae?
     No' parele Puavole infassae?
     112No' vale tese, che le par colone?

Deghe un po' mente, co' le zioga a crica,
     Se le sporze le carta le Vesine,
     Le fà spaleta; e le me par chiompine.
     116Guardè dove sta penola se fica

[p. 106 modifica]


E nù servimo matamente a l'uso?
     E nù se semo volontarij amici
     De i nostri dani? O miseri, ò infelici!
     120S'ha da patir, per voler star su'l fuso;

Esser podemio al nostro mal più lesti?
     Podemio far castronarie più grosse?
     Nù servimo ale cosse, e nò te cosse
     124Ne serve a nù: mo che maroni è questi?

Tropo del'Ambizion fieri è i decreti:
     Tropo de l'uso è le rason severe.
     Tute su i nostri pie vien le manere.
     128Semo tropo ligai col Mondo streti.

Orbo xè'l Mondo, e xè pur'orbo insieme
     Chi gloria vana, e falso honor sustenta.
     Se l'un'Orbo guidar l'altr'Orbo tenta,
     132Cascando l'un, l'altro gh'è adosso, e'l preme

Avrimo i ochi, ch'è ben tempo ancora;
     E'l vero honor, che in la virtù consiste,
     Solo stimemo, e le premure triste
     136D'imaginario honor vaga in bonora.

[p. 107 modifica]


O Dio! se fusse straco, e (verbi grazia)
     A meza Piaza de sentar trovasse,
     In frequenza de Zente, e me sentasse;
     140O quanta novità! quanta desgrazia!

E perche? Se diria: l'è un'indecenza.
     E no' vosseu che'l Populo ridesse?
     Rida chi vuol, che chi cervelo havesse
     144A ste fandonie i no' daria credenza.

No' v'acorzeu che semo nù i balordi,
     Che ametemo sti abusi in nostro dano?
     Questo pur nostro è volontario ingano!
     148Semo piai, come ala rede, i Tordi.

Chi passar me vederse in t'una piata
     Qualche tragheto, o in t'un batel da fassi,
     Sò che'l diria: Custù puol trar de i sassi.
     152Cossa xè questa mai tanto mal fata?

Se mio fin xè l'andar da l'altra banda,
     Che m'importa più l'un, che l'altro mezo?
     Che me fà che più un'ola, ò più un lavezo
     156Cuosa, purche i la cuosa, una vivanda?

[p. 108 modifica]


Quanto el voler le cosse utile, e sane
     Megio saria, che le nocive, e prave!
     O quanto megio el comodo sarave
     160Andar cercando, e nò l'usanze vane!

In pè d'una bereta, e d'una stola,
     Utile più no' n'è un capel, i se piove?
     Chi è quele boche maliaze, e love,
     164Che me possa mentir mai sta parola?

E pur chi andasse in Corte de Palazzo,
     Senza la toga, e col gaban de griso,
     Comoveria tuta la Piazza a riso,
     168E che mal saria questo? O che Mondazzo!

E perche dal mal tempo, e dala piova
     No' m'hò da reparar, senza agrizzarme?
     Che miseria è la nostra? hò da bagnarme,
     172Per no' far cossa oltra l'usanza, e nova?

O, se piove, stà a Casa. El sò anca mi,
     Che no' me bagnerò, se resto in drio:
     Ma, se far me bisogna el fato mio,
     176Me sarà de vergogna el far cussi?

[p. 109 modifica]


Se un mese avanti Santa Catarina
     Serasse un fredo, e me metesse i vari,
     Se diria, son seguro: el Varotari
     180Deventa mato. O Dio, quanta, ruvina!

No' me posso vestir donca, se hò fredo?
     Sì: ma el se puol ben far senza pelizza.
     E, se la meto, hogio da farve stizza?
     184Cerco ben la rason, ma no' la vedo.

O, no xè tempo. E, cari vù, ve prego,
     Lasseme stiar: feme piu giusto el conto.
     Sempre xè tempo, se'l bisogno è pronto.
     188L'intendimento no l'havemo intrego.

Se andasse da un Pistor, per aventura,
     Con toga, e stola, el me saria vergogna?
     Donca no' posso far quel, che bisogna?
     192Che muso è quel, che m'hà da far paura?

Vaghio forsi a robar? tanto è gran cossa,
     Se in manega me meto anca un paneto?
     Sarà mai rasonevole respeto
     196Questo, che me vuol far la galta rossa?

[p. 110 modifica]


Me diebo vergognar, se aponto robo,
     Se biastemo, se trufo, e se no' pago,
     Se invento le busie, se me imbriago:
     200Che in ste ocorenze no' ve digo gobo.

Ma, se procuro el fato mio, ne ofeso
     Resta pur'un, donca haverò le man
     D'imbratarme timor? Mo da cristian,
     204Questo è un negozio molto mal inteso!

Mo quante cosse tante volte femio,
     Che nòo' dà bon'odor? che no' stà ben?
     Che a l'Homo ingenuo el farle nò convien?
     208E pur le femo! e sì? se vergognemio?

Quanti ghe n'è, che de parola manca?
     Che hà da dar, ne sodisfa, o che prolonga?
     Che con usure se vuol far la ponga,
     212E honor professa, e no' se agrizza gnanca?

Gran dir! che l'Homo è d'aroganza tanta,
     Che i pecai capitali amete, e scusa
     A fronte roto, e solamehte acusa
     216Quei, che se puol lavar con l'aqua santa!

[p. 111 modifica]


Questo è l’honor, che tanto el Mondo stima?
     L’è una boria ventosa, un’albasia.
     Forme, che mete molti in fantasia
     220D’esser spazzai per homeni de cima.

Eh, che del vero honor l’inteligenza
     Ben no’ l’havemo. E no’ la sta in haver
     Casta de corpo, e savia una Mugier:
     224Altro è l’honor, bisogna haver pazienza.

No’ digo miga, che sia ben l’haverla
     Putana. O guarda Dio! Che songio mato?
     Ma come l’Homo sia desonorato,
     228Se l’ha, sta cossa voria ben saverla.

Cossa è sta cossa? se la Dona peca,
     L’Homo da ben donca sarà un’infame?
     Un Castronazzo? un pezzo de motame?
     232Dove semio? (dise) Semio ala Meca?

Suposto, che’l Mario no’ fusse reo,
     E fusse la Consorte una ladrona,
     Chi saria quela razza sfondradona,
     236Che, come ladro, ne’l mostrasse a deo?

[p. 112 modifica]


Saria ben de rason, che’l fasse un sforzo
     De rafrenarla, e darghe anzi castigo,
     A fin che’l vizio no’ se fesse antigo,
     240E una candela no’ impizzasse un torzo.

Questo aponto sarave el caso nostro.
     Deve l'Homo da ben prima avertirla;
     E, in caso de durezza, anca punirla,
     244E nò restar d’infamia horido mostro.

Se l’Homo a la Mugier rompe la fede,
     El dechiaremio infame? O questa è bela!
     L’Homo và assolto, e la Mugier xè quela,
     248Che fà el Mario del vituperio herede!

O tuti do, o nissun. Dela Giustizia
     Ugual sia la balanza, e a quel, che fala,
     No’ ghe sia grave de portar in spala
     252Solo anca el peso dela so’ nequizia.

Che leze è questa? E de faver gh’è mezo
     Da chi l’è fata? O Dio! da nu medemi.
     O de cervelo veramente scemi!
     256Tiolemo su: se meritemo pezo.

[p. 113 modifica]


Perche aprovar sta leze? e perche farla?
     Habia la pena el Reo, nò l'inocente.
     Ma, se l'havemo fata strambamente
     260Strambamente bisogna anca osservarla.

La virtù, l'inocenza, el bon costume,
     El viver quieto, el termine modesto
     S'hà da honorar: che'l vero honor xe questo.
     264E d'honor tuto el resto, ombra, e barlume.

S'hà da cavar piu sustanziosi i sughi,
     Che se puol dale cosse, e bon costruto
     Cercar dovemo, e utilità da tuto,
     268Cusinar neto, e no' far mai pachiughi.

Del resto vaga pian, camina in pressa,
     Fazza quel, che ghe par, vesta a so' modo,
     Pur ch'habia l'Homo intendimento sodo,
     272Libertà doverave esserghe amessa.

Vedo che de vegiar sè strache, ò Muse:
     Ve casca le palpiere. Ande (v'esorto)
     A tior dal sono el debito conforto.
     276Manca l'ogio al stupin: smorzo la luse.