Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



O Dio! se fusse straco, e (verbi grazia)
     A meza Piaza de sentar trovasse,
     In frequenza de Zente, e me sentasse;
     140O quanta novità! quanta desgrazia!

E perche? Se diria: l'è un'indecenza.
     E no' vosseu che'l Populo ridesse?
     Rida chi vuol, che chi cervelo havesse
     144A ste fandonie i no' daria credenza.

No' v'acorzeu che semo nù i balordi,
     Che ametemo sti abusi in nostro dano?
     Questo pur nostro è volontario ingano!
     148Semo piai, come ala rede, i Tordi.

Chi passar me vederse in t'una piata
     Qualche tragheto, o in t'un batel da fassi,
     Sò che'l diria: Custù puol trar de i sassi.
     152Cossa xè questa mai tanto mal fata?

Se mio fin xè l'andar da l'altra banda,
     Che m'importa più l'un, che l'altro mezo?
     Che me fà che più un'ola, ò più un lavezo
     156Cuosa, purche i la cuosa, una vivanda?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/121&oldid=62774"