Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/115

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che Deità fantastica xè questa,
     Che vuol incensi, e adorazion pretende?
     O quanto mal l'humanità l'intende!
     20Come se puol gradir cossa molesta?

Posso viver, se vogio, in libertà,
     E a incadenar me vegno e man, e pie.
     Che razza de matierie è queste mie?
     24Se puol mai dar mazor bestialità?

Tuto mio, viver posso hore gioconde,
     Senza inutili pesi, in santa pase,
     E seguo un mal, che me lusinga, e piase,
     28E l'humana rason turba, e confonde.

Posso viver privato, a la remota,
     Con quietezza, e schivar posso l'invidia,
     E pien de boria (ò mia fatal perfidia!)
     32Tegno la mente a falso honor devota.

Posso bever el vin senza gravezza,
     Posso magnar el pan senza gabela;
     E pur me sforza ambiziosa stela
     36A far spesso al mio dano ogni carezza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/115&oldid=62767"