Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/114

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Della vanità delle usanze, e delle false opinioni dell'honore.


SATIRA OTTAVA.


GRan cossa è questa, che no' possa l'Homo
     Far quel, che'l vuol, quando no'l fazza mal!
     L'hà libero l'arbitrio, e no'l ghe val?
     4Sia maliazo a chi hà magnà quel pomo.

No' ghe sarave zà de l'Ambizion
     Quela peste infernal, quel squarzacuor,
     Quel tormenteso stimolo d'honor,
     8Che ne liga le man, senza rason.

O gran magia, che de cervel ne priva,
     Se nù medemi andemo incontra a i mali!
     No' la posso capir. Frà i Animali,
     12L'Homo è 'l piu miserabile, che viva.

E pussibil che nù se fabrichemo
     Da nu medemi i lazzi, e le caene?
     Donca quel fumo, onde le teste è piene,
     16N'orba cussì, che piu no' ghe vedemo?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/114&oldid=62766"