Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E nù servimo matamente a l'uso?
     E nù se semo volontarij amici
     De i nostri dani? O miseri, ò infelici!
     120S'ha da patir, per voler star su'l fuso;

Esser podemio al nostro mal più lesti?
     Podemio far castronarie più grosse?
     Nù servimo ale cosse, e nò te cosse
     124Ne serve a nù: mo che maroni è questi?

Tropo del'Ambizion fieri è i decreti:
     Tropo de l'uso è le rason severe.
     Tute su i nostri pie vien le manere.
     128Semo tropo ligai col Mondo streti.

Orbo xè'l Mondo, e xè pur'orbo insieme
     Chi gloria vana, e falso honor sustenta.
     Se l'un'Orbo guidar l'altr'Orbo tenta,
     132Cascando l'un, l'altro gh'è adosso, e'l preme

Avrimo i ochi, ch'è ben tempo ancora;
     E'l vero honor, che in la virtù consiste,
     Solo stimemo, e le premure triste
     136D'imaginario honor vaga in bonora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/120&oldid=62773"