Della importunità dei Consigli

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dell’importunità de i Consigli
Satira settima.
1671
←  Sapiens dominabitur astris. Sonetto 6 Edission e fonte ▼ A Consigliero importuno. Sonetto 7  →
[p. 86 modifica]
DELLA IMPORTUNITÀ
Dei Consigli.


SATIRA SETTIMA.


COm'e possibil mal, che staga saldo
     Tra tanti Consultori, e sì frequenti?
     Fà cussì; fà colà. Che stornimenti?
     4Un ventolo dov'elo? O Dio che caldo!

Più copia ghe xè adesso de consegi,
     Che in Palazzo de lite, e de rumori.
     Quanti ghe xe Arcifanfani, e Dotori,
     8Che dà recordi, e documenti egregi!

Me dè, donde me diol, quando ve sento
     Dirme: el tal faria ben far questo, o quelo.
     Lassè che fazza ogn'un de so' buelo,
     12Col'operar segondo e'l so' talento.

Diseme: se un capel m'è largo in testa,
     E, se un zipon m'è tropo streto in dosso,
     Stà ben che i meta? O ve inganè de grosso,
     16Se ve pensè de venderme anche questa.

[p. 87 modifica]


Quel, che a l'un senza peso è per fortuna,
     A l'altro è greve, incomodo, e nocivo.
     Uno hà sortì dal Ciel spirito vivo:
     20Un'altro hà i vuovi schiozzi, e và per Luna.

Varie xè l'opinion, varij i cerveli.
     Quel, che piase a qualcun, no' piase a tuti.
     Vario è 'l desiderar, varij i costruti
     24De l'Arte, e piase più questi, che queli.

O, el consegio xè bon per sì medemo,
     Utile, e honesto, e amigo è chi consegia!
     Stà ben: ma no' me fazzo maravegia,
     28S'anca ben spesse volte el recusemo.

No' ve forzè. Diseme un pochetin,
     E vegnimo a le man con le rason.
     No' xe 'l vin per sì stesso utile, e bon?
     32Mo perche mai gh'è chi recusa el vin?

Direu per forte che quel tal sia mato?
     Se l'è un'antipatia; se'l ghe fa mal;
     Se l'è un'aborimento natural,
     36Podeu negar sta verità de fato?

[p. 88 modifica]


La riosa hà pur fragranza, e dà dileto
     Al naso, con l'odor; parlo in comun:
     E se pratica pur ch'anca a qualcun
     40L'induse afano, e ghe fà angustia al peto.

El carbon impizzà scalda, e consola,
     E pur, se ben che a molti utile el porze,
     Gramo mi, se la testa se ne acorze!
     44Che bel solazzo! el diga la mia gola.

Chi la pegola hà in grazia, e più l'odora
     De qual se vogia fior d'Avril, o Mazo:
     Chi ghe ne dà d'aborimento el sazo,
     48Co'l scampar piu lontan, che da malora.

Fà el medemo l'odor de i cuori niovi,
     De i solferi, de i muschi, e de i zibeti.
     Sà una cossa produr contrarij efeti.
     52Scorli diversi hà de le teste i vuovi.

Mo da che vien? Che ocor? l'è pur cussì.
     Tal xè la proprietà, ne la se intende.
     Ziova una cossa a l'un, che l'altro ofende:
     56Quel, che xè ben per altri, è mal per mì.

[p. 89 modifica]


Disè pur tuto quel, che se puol dir,
     Che no' savè que, che se possa far.
     Se ingana l'opinion. Dal consegiar
     60Gh'e una gran deferenza a l'eseguir.

Del consegiar l'utilità no' basta;
     Ma bisogna osservar de chi receve
     La dispostezza, e ponderar se deve,
     64Se à far quel pan valevole è la pasta.

Credeu vù che'l Bocacio, e che'l Petrarca,
     Che Ovidio, e che Martial no' i fusse boni
     Dentro el Mar dele Leze ai so' timoni
     68D'haver bon'ochio, e ben guidar la barca!

Chi el puol saver? No' me ne fido tropo.
     E perche in tanto abandonar el Foro?
     Ma i ve diria; se parlesse con loro,
     72Che diverso voler giera d'intopo.

Forsi, se i fusse andai per el Palazzo
     A suar le camise a i Tribunali,
     Miseri Avocatuzzi, e triviali,
     76I saria stai co i manco degni a mazzo.

[p. 90 modifica]


Sò anche mi, che in Palazzo el vender zanze
     Suol'aportar le utilità mazenghe;
     E se puol da le renghe altro che renghe,
     80E sughi altri cavar, che de naranze.

Sò anche mi, ch'un, che tira la careta,
     Pitocando ale porte, e zorno, e note,
     Per tocar polsi, e saldar teste rote,
     84Manestre altre puol far, che de faveta.

Sò che tuto xè bon, leze, e statuti,
     E d'haver sò anche mi qualche talento;
     Ma'l Palazzo no' m'è d'agradimento,
     88Ch'amo la qmete, odio i tumulti tuti.

La dotrina d'Hipocrate pur'anca
     Laudo, molto l'amiro, e la me piase.
     Per pitocar però sempre ale Case,
     92Perdo ogni gusto, ogni voler me manca.

Ve'l confesso anca mi, l'Arte è divina,
     S'altri no' vogia esercitarla a caso.
     Ma quel'haver spessi regali al naso
     96Causa, ch'anca in le man la me scantina.

[p. 91 modifica]


Gloria xe'l dar la vita a un moribondo:
     Ma, se intravien che'l mal l'Infermo amazza
     E Boia intanto el Miedego se fazza,
     100Chi puol, a tanta ingiuria, esser giocondo?

Ma Galeno puol dar grossi guadagni!
     Sì, ma l'haver mai sempre un rompitesta
     De chi se duol, ne un dì haver mai de festa,
     104Fà che'l genio me casca in tei calcagni.

L'oro ne me fà gola in abondanza,
     E, se ben no' vorave esser mendico,
     No' bramo farme ingordamente rico:
     108Cerco quel, che puol far, nò quel, ch'avanza.

El comodo de l'Homo no' consiste
     Solamente in alzar monti de bezzi.
     Gran ingordisia hà proditorij i vezzi,
     112E rende le zornae penose, e triste.

Haver de mente un'incessante ziro,
     O de felicità mirabil forme!
     Chi hà manco da pensar, più quieto dorme;
     116E ch'in Zuca hà più sal, stima el respiro.

[p. 92 modifica]


S'hereditaria è gran richezza, ben;
     Lhò per le man: pazzia xè el recusarla.
     Ma che me sgorba, e che me amazza a farla,
     120Sbrenà tropo e'l Caval, demoghe el fren.

Me conteno de far modestamente,
     Quel, che far posso, e quando posso, e dove
     Più me lusinga el genio; e no' me move
     124Esempij d'altri, o befe dela zente.

Se gh'è però qualcun, che se contenta,
     E goda in spala de portar gran peso,
     A portarlo el fà ben: zà son inteso:
     128Che'l seguita el so' genio, e no'l se penta.

Parlo, se'l genio stà in le cosse honeste,
     Come el servir a Corte, a Magistrato,
     Dar giudicio, esser Miedego, Avocato,
     132O far altre fonzion, simile a queste.

Che'l vaga pur dove Natura el chiama.
     Ma chi contr'aqua nua, perde la forza.
     Una lume, che pena al fin se smorza,
     136Se gh'è chi supia a invigorir la fiama.

[p. 93 modifica]


O, el studio, e la fadiga fà de belo!
     No' ve digo de no, semo d'acordo,
     Che dal Merlo anche mi distinguo el Tordo.
     140Sò ben de che natura è sto zambelo.

Digo bensì, che sta facenda è vera,
     Se l'Homo a far qualche esercizio inclina.
     Con studiosa osservanza el se rafina,
     144E core con honor ben la cariera.

Inclina Un (verbi grazji) a la Pitura,
     Deve bastar cussì? Senz'altro nò.
     Per far quel, ch'è d'honor, bisogna, el sò,
     148Acopiar l'esercizio a la natura.

Ma, se ghe manca el natural talento,
     Habia pur el penel sempre a le man,
     Sia osservante de Paulo, o de Tizian,
     152Sarà pien d'imbriaga el so' formento.

El caminar coi sporteloni al naso
     Xè bon per quei, che languida hà la vista:
     Ma, s'altra malatia l'ochio contrista,
     156L'uso no' fà piu de i cristali al caso.

[p. 94 modifica]


Saveu perche giera ecelenti, e bravi
     I spartani Operarij in te i mestieri?
     Perche xè insij tanti Homeni guerieri,
     160E in te'l giudicio ponderosi, e gravi?

Perche no'i se meteva a far impresa
     Senz'esser dal so' genio consegiai.
     Cussì stava ciascun sù i so' contrai,
     164Senza recalcitrar, senza contesa.

Se'l voler no' ghe xè, se'l genio manca,
     Come possio operar, senza mia vogia?
     Volè che scriva (per esempio) e togia
     168La pena, e scriva ben con la man zanca?

Nol posso far. Volè, a despeto mio,
     Farme tagiar cavriole, e ho la podagra?
     Volè che giostra in sù Cavala magra?
     172Volè che odora un fior, se son sferdio?

Se son destalentà, senza apetito,
     Zò, per forza, i boconi hò da ficarme?
     Cerimonia pelosa! A strangolarme,
     176Qual ve penseu de guadagnar profito

[p. 95 modifica]


Fè busi in aqua, aqua pestè in morter;
     Cerchè su'l sal de sparzer la semenza.
     Ve lassè infenochiar, che havè credenza
     180De poder far zardini anca in Zener.

Se un'Homo de Republica volesse
     Viver privato, a fin de viver megio,
     Vosseu vu divertirlo col consegio?
     184Chi render grazie è quel, che ve dovesse?

Se'l no'l vuol Magistrato, e fuze el brogio,
     Per viver, senza intrighi, a sì medemo,
     Che ocor che a le grandezze el consegiemo,
     188Se la vita privata è senza imbrogio?

Se Sila, e Mario, e Cesare, e Pompeo
     No fusse stai de dominar sì vaghi,
     Visti no' s'haveria de sangue i laghi,
     192Ne Bruto sanguenario, e Tolomeo.

Se fusse ogn'un de simil fantasia,
     Che i gradi havesse, e i Tribunal a scherno,
     Vù me dirè: dove saria el governo
     196De le Cità? Disè dove el saria?

[p. 96 modifica]


In man de chi più ghe piasesse haverlo,
     E fusse, per natura, ato al comando.
     Fà Primavera un fior? mi ve domando.
     200Tegna in pugno sto cao, chi puol tegnerlo.

Ghe ne xè d'ogni forte in ogni modo,
     E, se l'uno trà via, l'altro tiol suso.
     Tuti hà i so' Grili, e tuti i Grili hà buso,
     204E fica ogn'un, dove ghe piase, el chiodo.

Ciascun farave ben la so' facenda,
     Se volentiera el se metesse a farla.
     Questa è cossa essenzial da consegiarla.
     208Questa xe ben, che chi hà cervel l'intenda.

Tuto quel, che se fà de volontà,
     El se fà con amor, ne'l se strapazza.
     Ma, o quanto mai se ingiote la spuazza
     212A far contra voler quel, che se fà!

Tal volta me necessità un'Amigo
     (Verbi grazia) a componerghe un Soneto.
     No' ghe n'hò vogia; e pratico in efeto
     216Gran renitenza, e l'ho per somo intrigo.

[p. 97 modifica]


Ma, se scrivo per mi, l'aqua hò segonda,
     Ne fazzo tropo mai sforzi de schena:
     Maravegie me fà quasi la pena;
     220Pronta hò la frase, e la materia abonda.

Diga ogn'un quel, che'l vuol, che mi dirò,
     Che a far per genio, no' se fà fadiga.
     E no' posso patir ch'altri me diga:
     224Ma de sì; quà de là; de sù, de zò.

O gh'è chi, imersi in le lascivie sporche,
     Ne vuol, ne sà far ben! Che vuol dir questo?
     Lassemo ch'altri interpetra sto testo:
     228Cazzemoli d'acordo in sù le forche.

Questa è (ve sò dir mi) zente nassua
     Per far numero solo, e far vergogna
     Ale Famegie: e al pan, che ghe bisogna,
     232Inutilmente al fin darghe la frua.

Niente se fà con st'anime prescite;
     Ne val consegi de nissuna sorte.
     Con chi vuol caminar per vie sì storte,
     236No' n'hò amicizia, e no' protesto lite.

[p. 98 modifica]


Ma el fuso è pien: xè desfornia la roca.
     Tuto xè a segno. Hò despazzà la Casa.
     D'avanzo hò chiacolà. Tempo è che tasa.
     240Me lasso consegiar. Sero la boca.