Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Quel, che a l'un senza peso è per fortuna,
     A l'altro è greve, incomodo, e nocivo.
     Uno hà sortì dal Ciel spirito vivo:
     20Un'altro hà i vuovi schiozzi, e và per Luna.

Varie xè l'opinion, varij i cerveli.
     Quel, che piase a qualcun, no' piase a tuti.
     Vario è 'l desiderar, varij i costruti
     24De l'Arte, e piase più questi, che queli.

O, el consegio xè bon per sì medemo,
     Utile, e honesto, e amigo è chi consegia!
     Stà ben: ma no' me fazzo maravegia,
     28S'anca ben spesse volte el recusemo.

No' ve forzè. Diseme un pochetin,
     E vegnimo a le man con le rason.
     No' xe 'l vin per sì stesso utile, e bon?
     32Mo perche mai gh'è chi recusa el vin?

Direu per forte che quel tal sia mato?
     Se l'è un'antipatia; se'l ghe fa mal;
     Se l'è un'aborimento natural,
     36Podeu negar sta verità de fato?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/101&oldid=62752"