Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Sò anche mi, che in Palazzo el vender zanze
     Suol'aportar le utilità mazenghe;
     E se puol da le renghe altro che renghe,
     80E sughi altri cavar, che de naranze.

Sò anche mi, ch'un, che tira la careta,
     Pitocando ale porte, e zorno, e note,
     Per tocar polsi, e saldar teste rote,
     84Manestre altre puol far, che de faveta.

Sò che tuto xè bon, leze, e statuti,
     E d'haver sò anche mi qualche talento;
     Ma'l Palazzo no' m'è d'agradimento,
     88Ch'amo la qmete, odio i tumulti tuti.

La dotrina d'Hipocrate pur'anca
     Laudo, molto l'amiro, e la me piase.
     Per pitocar però sempre ale Case,
     92Perdo ogni gusto, ogni voler me manca.

Ve'l confesso anca mi, l'Arte è divina,
     S'altri no' vogia esercitarla a caso.
     Ma quel'haver spessi regali al naso
     96Causa, ch'anca in le man la me scantina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/104&oldid=62755"