De i tumulti delle Città, e della quiete della vita solitaria

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
De i tumulti delle Città, e della quiete della vita solitaria
Satira terza.
1671
←  Che'l vero Amico sia il miglior Amante d'ogni altro. Sonetto 2 Edission e fonte ▼ Che deve da l'Huom savio sopra ogn'altra cosa pregiarsi la libertà. Sonetto 3  →
[p. 28 modifica]
De i tumulti della Città, e della quiete della vita solitaria.


SATIRA TERZA.


Che pigrizia è la mia? perche no' fazzo
    Quel, che più volte hò protestà de far?
    Che pensio più? che staghio più à guardar?
    4Resoluzion. Se rompa al fin sto giazzo.

Perche no' lassio le Cità importune?
    Bale, e bossoli, via. La parte è presa.
    Straco pie, mente aflita, anima ofesa,
    8Cerchemo a Ciel'averto altre fortune.

Scampemo pur da Citadini insulti,
    Da invidie, da busie, da crepacuori,
    Da fraude, da malizie, da rancori,
    12Da strepiti, da lite, e da tumulti.

Che Cità? che Cità? zanze, e fandonie,
    Insonij, e fantasie de chi delira.
    S'avra i ochi una volta, e se respira:
    16Libertà, libertà, che cerimonie?

[p. 29 modifica]


O cara libertà! felice forte
    Hà un cuor, che te possede, e te acarezza.
    Senza de ti xè amara ogni dolcezza:
    20Anzi la vita è una perpetua morte.

Ve lasso in abandon (che tante historie?)
    Magie de i cuori, e de le rechie incanti,
    Aplausi gonfij, encomij resonanti,
    24Cerimonie afetae, ventose borie.

Cità, de le speranze traditora,
    No' n'hò più fià. Son straco. O Dio, pur tropo
    Hò soferto, hò patì. Tagio sto gropo.
    28Altro no' vogio nò. Resta in bon'hora.

Resta pur co' i to' titoli fumosi.
    Resta tra le grandezze, e tra le pompe:
    Che la costanze mia no' franze, o rompe
    32Le to' lusinghe. Aleta altri golosi.

Lusinghiera falace, ohimè pur massa
    Ti m'hà inganà! pur tropo t'hò credesto!
    Ma viver vogio a mi medemo el resto
    36De l'età mia fin, ch'hò cervelo in cassa.

[p. 30 modifica]


Mi, che no sò de l'inganar le usanze,
    Ne al prossimo dir mai busia, che ofenda,
    Vere no' sia che inutilmente spenda
    40L'opera, e'l tempo, i passi, e le speranze.

Citadini è i deliti, e l'inocenza
    Trà le Campagne in humil Casa alberga.
    Abrazza i vizij, e le virtù posterga
    44Spesso chi in alta sedia hà residenza.

Per questo lauti in le Cità se osserva
    I Rufiani, i Bufoni, i Parasiti,
    Le Frine, e i Ganimedi; e xè infiniti
    48I premiai, che, adulando, el vero snerva.

Nò, nò, no' sò adular. letere, o messi
    No' son bon de portar. No' stago ben.
    No' son condir col Zucaro el velen;
    52Ne con Zente spalae tegno interessi.

No' sò zontar nissun: cabala, o cuca
    Lasso farla a chi vuol, mi no' son bon.
    Hò vogia de cazzarme, in conclusion,
    56Trà la semplice Zente, e la margnuca.

[p. 31 modifica]


Servir con pura fede a vento, a piova,
    A Sol, a Luna, a caldo Cielo, a fredo,
    Tuta è persa fadiga, a quel, che vedo:
    60La Liberalità puochi la trova.

Ve invechirè, servendo, e in sul più belo
    Del vostro meritar, qualcun se adombra;
    E un sospeto aparente, una fals'ombra
    64Ogni vostro sperar manda in bordelo.

L'imperversà Fortuna, empia Maregna
    El guiderdon de l'operar defrauda.
    Trovè ben sì chi ve lusinga, e lauda:
    68Ma trovè rari alfin, che ve sovegna.

D'encomij veramente un bel sufragio
    Cortese boca al merito aparechia!
    Ma disse quela Volpe astuta, e vechia:
    72Sia del Corvo la laude, e mio el formagio.

La generosità xè scorta, e guida
    De l'Arte ingenue, e le Virtù sustenta,
    Che molto più frutifere deventa.
    76Man liberal xè come palo a vida.

[p. 32 modifica]


El premio è quel, che stimola, e che ponze
    La volontà. Più l'Arte se pulisce,
    Se'l guiderdon con l'operar se unisce.
    80Hà più pronto el zirar rioda, che s'onze.

Premiae fu sempre le virtù più bele:
    Che'l premio fà più l'Operario industre.
    Virgilio và per Mecenate ilustre:
    84Celebre và per Alessandro Apele.

Corerave anca mi forsi una lanza
    Con qualche honor, se havesse bon Paregno.
    Chi me dà cuor, per aguzzar l'inzegno?
    88O Dio, che del donar persa è l'usanza!

Persi xè i Alessandri, e i Mecenati:
    Resta i Apeli a i nostri dì pelai.
    I Maroni in fersora è biscotati
    92Da i Domiziani, e da i Neroni ingrati.

Ghe xè chi spende in t'una Cena sola
    A pale i scudi, e no' darave un pomo
    (Per cussì dir) per solevar un'Homo.
    96O golosa Avarizia! ò avara gola!

[p. 33 modifica]


Tal'un però sì liberal se cata,
    E pien de sì amorevole costume,
    Che pienamente de pagar presume
    100Con un disnar l'obligazion contrata.

Gran favor senza dubio! O che Cucagna!
    Arte ingenue stè aliegre. O pierie Dive,
    Conservè ste memorie al Mondo vive.
    104Giandussa, ò disnà ben! Cancaro, i magna!

Se puol far pur de manco de disnari,
    E da rider me vien de sti sparagni,
    Quando perdite habiè più che guadagni,
    108E perpetue ghe sia brighe, e dafari.

Nutrisce in casa soa pan, e graspia
    Più, che netare, e ambrosia in Casa aliena.
    Che val lauto disnar, splendida cena,
    112Se da i respeti el gusto se desvia?

Ve tormenta un timor, se onzè la gola,
    Che tuti in boca ogni bocon ve conta.
    E, se mal al bisogno è la man pronta,
    116Più che prima famai levè da tola.

[p. 34 modifica]


Mal sempre e'l convivar frà i disuguali,
    E frà quei, che se teme, e se respeta.
    Vuol esser familiar, libera, e schieta
    120La tola, uni i voleri, e i genij uguali.

Diseva un Grando: hò servitori assai,
    E ghe ne cavo utilità, e costruto:
    Perche i lusingo, e ghe prometo tuto:
    124Ma guarda el Ciel, che ghe l'atenda mai.

Aprese hò ste politiche a mio costo:
    Ne me vogio nutrir piu de speranze.
    Fà bisogno per mì fati, e nò zanze:
    128Renoncio el fumo a chi me nega el rosto.

Se, verbi grazie, in cao de tre, o quatr'ani,
    Vegnisse a regalarme una puina,
    O un per de guanti in conza balonina,
    132La podesse cozzar co'l Prete Giani.

E quanto mai che i ve li buta in ochio!
    Ve stai ben? dove xeli? i conserveu?
    Tanto i me costa. A mì che me dareu?
    136Vogio dà forsi un veleno, o un fenochio!

[p. 35 modifica]


Tutto stà ben: ma, se per forte mai
    Al bisogno cerchè qualche socorso,
    Subito che vegnì sù sto discorso,
    140I consegi xè pronti, e parechiai.

Se fusse in vostro pè, farave questa,
    O st'altra cossa, o pur quel'altra è megio.
    Ma, se domando agiuto, e nò consegio,
    144Che ocor stornirme, o romperme la testa?

Benedeta una Casa, che sò mì,
    E benedeta un'anima, ch'è in Cielo.
    Saria degno de laude anca ogni pelo:
    148Ma el liogo no' n'è quà. Basta cussì.

De certi le zapae bisognerave
    Basar d'ognora: e pur, se adesso taso,
    Forsi una volta averzirà in Parnaso
    152Richi scrigni d'honor musica chiave.

Salvo el liogo a chi devo, e torno adesso
    Sù quela via, che da principio hò presa:
    Che mal, quando la Satira è intrapresa,
    156Liogo d'encomij me saria concesso.

[p. 36 modifica]


Che bel solazzo mai l’haver da far
    Con chi hà bandia con pena capital
    La discrezion! nò, nò, quà stago mal.
    160A ste delicie no' me posso usar.

Ghe xè tal'un, che no' diria: senteve;
    Se ben set'ore in pie stessi per elo;
    Ne mai diria; meteve sù el capelo:
    164Recreazion da far saltar la freve.

Qualche volta bisogna (ò stranie forme
    De dar tormento a un misero inocente!)
    Lezer un Libro, o dir qualcossa à mente,
    168O parar via le mosche a quei, che dorme.

Altri ghe xè, che, se ben, quando i parla,
    Tuta in semola và la so' farina,
    I contradise, i disputa, i se ustina;
    172E no' se puol mai vencerla, o impatarla.

Nò, nò, vogio più tosto esser d'Anguela
    Testa, che coa de Luzzo: hò fisso el chiodo.
    A la mia libertà taco i'invuodo,
    176Co'l portarghe depenta una tolela.

[p. 37 modifica]


No' vogio, ola de tera, andar, se posso,
    De pignate de bronzo in vesinanza.
    Hò za' scorsi pericoli a bastanza.
    180No' vogio star sempre co'l zaco in dosso.

O (se dirà) stando lontan, perisce
    D'autorevole Amigo ogni assistenza!
    Che scrupoli me feu mai de conscienza?
    184Molto no' sà bramar chi poco ambisce.

Se Gati no' haverò, che dala bafa
    Fazza che i sorzi, e dal formagio fuza,
    Ne pur Gati haverò, che me destruza
    188Bafa, sorzi, e formagio, e che me sgrafa.

L'Amigo grando è come in Mar el vento,
    Placido guida ogni barcheta in porto:
    Ma, supiando iracondo a dreto, a storto,
    192Xè spedie le speranze al salvamento.

Se vegno in campo aperto, e me procuro
    Da l'opinion qualche honorato liogo,
    Slanza contra de mi l'invidia el fuogo;
    196Ne soto el lauro pur vivo seguro.

[p. 38 modifica]


Sò che no' son papavero sublime,
    Ne in Parnaso mai posso alzar la cresta,
    E pur tal man politica no' resta
    200De drezzar la bacheta a le mie cime.

In suma vogio andar. Sta barca sio.
    Me fermo quà; ne più stalisso, o premo.
    Son straco de vogar. Meto zò el remo.
    204Ligo i fagoti, e digo a tuti: A Dio.

Sia una aliegra Campagnia el mio Rialto,
    E mio San Marco un bosco venerando,
    Mio Palazzo un Fenil, mio Canal grando
    208Un Fossal, tempestà de verde smalto.

Sia mie Academie i solchi, e le vaneze,
    E sia i filò le mie Comedie al fuogo.
    Solo sarà dei mij Reduto el liogo,
    212Tuto el mio Carneval, roveri, e Teze.

No' vedo l'hora de condurme in parte,
    Dove no' veda mai Fanti, Scrivani,
    Zafi, Dacieri, spie, sgheri, Rufiani,
    216Cabale, Zontarioi, Bari da carte.

[p. 39 modifica]


Sù parechieme una sampogna, o Muse,
    Fauni, Sileni, e boscarezze Dee.
    Driadi, Amadriadi, Oreadi, e vù Napee
    220De pegro più no' me darè le acuse.

A Dio, Piazze. A Dio Brogio. A Dio, Teatri.
    Musiche el Bosco me darà più bele.
    Farà sentir l'aganipee sorele
    224Melodie più soave, a son d'aratri.

Talvolta con sampogna humile, e schieta,
    Soto una Piopa, o soto un'Olmo ombroso,
    Farò, cantando, Titiro amoroso,
    228Celebre el nome de la mia Liseta.

O dolce vita, che no' sà che sia
    Morte inanzi al morir! Cara Amarili,
    Ti l'intendevi pur! Boschi tranquili!
    232Piante felici! e benedeta ombria!

E sarà pur fenie le sberetae,
    E i bassi inchini a i Magistrati, al Brogio!
    E de le veste fenirà l'imbrogio,
    236Con vari, e dossi, e d'ormesin fodrae!

[p. 40 modifica]


Un pano schieto de color fratesco
    Da l'Otobre a l'Avril sarà mia toga;
    E cercherò, quando più el Sol se infuoga,
    240Da i Platani in camisa, e l'ombra, e 'l fresco.

D'un Fiumeselo, o sù la verde riva
    Puzerò el fianco, e al mormorio suave
    Acorderò el mio canto, e manco grave
    244L'hora farò de la zornada estiva.

Pesce no' gusterò, che no' sia preso
    Da la mia cana. I Oseleti in rede,
    O al vischio condurò. Darà altre prede,
    248O balini de piombo, o lazzo teso.

E, se ben no' haverò, sù mensa vasta,
    Osei del Fasi, o pur Cingiali toschi,
    L'Horto, el Brolo, el Cortivo, i fiumi, e i boschi
    252Cibi me renderà tanti, che basta.

Se goda el Gange pur l'India a so' vogia,
    La Spagna el Tago, e l'Asia habia el Patolo;
    Mie arene d'oro, e mio dileto solo
    256Sia la Reghena, el Lemene, e la Rogia.

[p. 41 modifica]


Piramide le Menfi habia superbe,
    Vele i Nili de sea, pupe gemae,
    Le Carie Mausolei, me basta assae
    260Le segaline, i gionchi, i vinchi, e l'herbe.

Heliogabali vani, a vostro modo
    Fe i lavezi d'arzento, e le pignate.
    Morbinose Popee, fumose, e mate
    264Fè d'oro a i Palafreni e 'l fero, e 'l chiodo.

De tera i vasi, e le stagnae de rame
    Me cuose i cibi, a suficienza boni.
    La mia verza, el mio Porco, i mij naoni
    268Me cava d'un Fagian megio la fame.

E, quando piove, o quando el Sol più ferve,
    O, s'altro gh'è, che 'l caminar me niega,
    Senza spesar cavalcadura intrega,
    272Una magra Cavala anca me servo.

Sarà soto coverti humili, e bassi
    Dolci i mij soni, e i mij respiri averti
    Più che sot'alti, e lucidi coverti,
    276Sù colone caristie, o lidij falsi.

[p. 42 modifica]


Tre volte, e quatro ò fortunai Dalisi,
    Coridoni, Menalchi, e Melibrei!
    Xè le serve el Zardin de i Semidei,
    280E le Campagne i veri Campi elisi.

Più che la Ditatura, e 'l Consolato,
    Cara la rava, e l'arador se stima.
    Diselo vù, senza che più m'esprima,
    284Anime ecelse, ò Curio, ò Cincinato.

El diga Atalo Rè, Ciro el Monarca,
    Dioclezian, Costantin, tanti altri el diga,
    Che de contar me sarà tiolta briga
    288Quei, che ale Vile hà dà de gloria marca.

Pena, ti xè schincada, e mi son straco.
    Me fermo quà. Puti, stropè i Fossai.
    Acqua è stà dà tanto, che basta, a i Prai.
    292Stropè pur sù. Meto le pive in saco.