Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No' vogio, ola de tera, andar, se posso,
    De pignate de bronzo in vesinanza.
    Hò za' scorsi pericoli a bastanza.
    180No' vogio star sempre co'l zaco in dosso.

O (se dirà) stando lontan, perisce
    D'autorevole Amigo ogni assistenza!
    Che scrupoli me feu mai de conscienza?
    184Molto no' sà bramar chi poco ambisce.

Se Gati no' haverò, che dala bafa
    Fazza che i sorzi, e dal formagio fuza,
    Ne pur Gati haverò, che me destruza
    188Bafa, sorzi, e formagio, e che me sgrafa.

L'Amigo grando è come in Mar el vento,
    Placido guida ogni barcheta in porto:
    Ma, supiando iracondo a dreto, a storto,
    192Xè spedie le speranze al salvamento.

Se vegno in campo aperto, e me procuro
    Da l'opinion qualche honorato liogo,
    Slanza contra de mi l'invidia el fuogo;
    196Ne soto el lauro pur vivo seguro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/51&oldid=62910"