Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tutto stà ben: ma, se per forte mai
    Al bisogno cerchè qualche socorso,
    Subito che vegnì sù sto discorso,
    140I consegi xè pronti, e parechiai.

Se fusse in vostro pè, farave questa,
    O st'altra cossa, o pur quel'altra è megio.
    Ma, se domando agiuto, e nò consegio,
    144Che ocor stornirme, o romperme la testa?

Benedeta una Casa, che sò mì,
    E benedeta un'anima, ch'è in Cielo.
    Saria degno de laude anca ogni pelo:
    148Ma el liogo no' n'è quà. Basta cussì.

De certi le zapae bisognerave
    Basar d'ognora: e pur, se adesso taso,
    Forsi una volta averzirà in Parnaso
    152Richi scrigni d'honor musica chiave.

Salvo el liogo a chi devo, e torno adesso
    Sù quela via, che da principio hò presa:
    Che mal, quando la Satira è intrapresa,
    156Liogo d'encomij me saria concesso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/49&oldid=62907"