Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


De i tumulti della Città, e della quiete della vita solitaria.


SATIRA TERZA.


Che pigrizia è la mia? perche no' fazzo
    Quel, che più volte hò protestà de far?
    Csse pensio più? che staghio più à guardar?
    4Resoluzion. Se rompa al fin sto giazzo.

Perche no' lassio le Cità importune?
    Bale, e bossoli, via. La parte è presa.
    Straco pie, mente aflita, anima ofesa,
    8Cerchemo a Ciel'averto altre fortune.

Scampemo pur da Citadini insulti,
    Da invidie, da busie, da crepacuori,
    Da fraude, da malizie, da rancori,
    12Da strepiti, da lite, e da tumulti.

Che Cità? che Cità? zanze, e fandonie,
    Insonij, e fantasie de chi delira.
    S'avra i ochi una volta, e se respira:
    16Libertà, libertà, che cerimonie?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/42&oldid=62900"