Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



El premio è quel, che stimola, e che ponze
    La volontà. Più l'Arte se pulisce,
    Se'l guiderdon con l'operar se unisce.
    80Hà più pronto el zirar rioda, che s'onze.

Premiae fu sempre le virtù più bele:
    Che'l premio fà più l'Operario industre.
    Virgilio và per Mecenate ilustre:
    84Celebre và per Alessandro Apele.

Corerave anca mi forsi una lanza
    Con qualche honor, se havesse bon Paregno.
    Chi me dà cuor, per aguzzar l'inzegno?
    88O Dio, che del donar persa è l'usanza!

Persi xè i Alessandri, e i Mecenati:
    Resta i Apeli a i nostri dì pelai.
    I Maroni in fersora è biscotati
    92Da i Domiziani, e da i Neroni ingrati.

Ghe xè chi spende in t'una Cena sola
    A pale i scudi, e no' darave un pomo
    (Per cussì dir) per solevar un'Homo.
    96O golosa Avarizia! ò avara gola!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/46&oldid=62904"