Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/267

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Brindesi Pel
Nobiluomo Benedetto Valmarana


Il Poeta sulle traccie dell'altro Brindesi Mia Mare Vitoria recitato alla Tavola della Contessa Mangilli, rammenta in questo l'imbarazzo che provava un tempo rispondendo Messa al passo del Confiteor, e trova qualche analogia di situazione all'aspeto di scelte Damine.


     Mia mare Vitoria
(Che Dio l'abia in gloria
Da sù Valmarana)
Perdon Zentilomo!
L'è un pezzo de storia
Assae più lontana
Descrita nel tomo
Dei fasti domestici
A pagine dò.
     L'è un pezzo infantil
Che onora l'april
De l'ano mio setimo
Co Zago a Perlan 1
Ex feudo Mestrin
Un sesto del vin
Al prete fumava
Co el se preparava
A l'ato Divin.

  1. Luogo di Villeggiatura della famiglia dell'Autore.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/267&oldid=58657"