A dona Cate che ga schivà l'ocasion

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
A dona Cate
che ga schivà l'ocasion
de trovarse sola co mi
1857-58
←  Ritrato de dona Cate Edission e fonte ▼ A dona Cate da la mia vilegiatura  →


[p. 234 modifica]
A DONA CATE
CHE GA SCHIVÀ L'OCASION
de trovarse sola co mi.


Scusa, te suplico,
     Museto belo,
     Creatura amabile,
     4Dono del cielo,
Se ancuo sta letera
     Mi te dirigo,
     E ingenuo, acertite
     8Ze quel che digo.
No posso esprimerte
     Co renitente
     Gera nel scriverte,
     12Ma finalmente
El cuor, che domina
     La volontà,
     M'à fato debole.
     16M'à sogiogà;

[p. 235 modifica]


Dunque perdonime
Sto passo ardito,
Non imputarmelo
20Come delito,

O se ti reputi
Questa che sia
Colpa, assicurite,
24No la ze mia;

No, indispensabile
La ze l'efeto
De un amor tenero,
28De un caldo afeto

Che ga l'origine,
Catina mia,
Da un grado massimo
32De simpatia.

So ben che rigida
Nel giudicarme
Ti è capacissima
36De condanarme,

Perchè tantissimi
Ti me n'à dà
Segni infalibili
40De crudeltà;

Quel dì teribile,
Quel dì d'inferno,
No lo desmentego
44Mai più in eterno,

[p. 236 modifica]


E no scordandolo
El me procura
Angustie e spasemi
48Senza misura.

Forsi credevistu,
Ch'essendo sola
Podesse ofenderte
52Co la parola?

Che prevalendome
De l'ocasion
Vegnisse a pianzerte
56La mia passion?

Opur temevistu,
Che da indiscreto
Lassasse libero
60Sfogo a l'afeto?

No posso crederlo
Più che ghe penso,
Saria suponerte
64Senza bon senso,

Se incontrastabili
Per el passà
Del mio caratere
68Prove ti ga;

Dunque no dubito,
Che averme arente
Te sia d'incomodo
72O indiferente,

[p. 237 modifica]


E che co' d'esserme
Ti ga zurà
Atacatissima
76Ti m'à inganà.

Gaveva in colera
Fato al mumento
El solenissimo
80Proponimento

De più no vederte,
E de scampar
Da dove solita
84Ti ze de star,

Ma amor vivissimo,
Amor più puro,
M'à fato subito
88Esser spergiuro,

E in gnanca un atimo
I mii pensieri
Gera a dirigerme
92Dove ti gerì.

Perchè concederme
Vol la natura
Un cuor sensibile
96Oltremisura,

E a ti un amabile,
Un seducente,
Che pol descriverse
100Dificilmente,

[p. 238 modifica]


Ma un cuor, permetime,
No averte a mal,
Duro, durissimo
104Più de l'azzal?

Cate, no esagero,
A la mia mente
Ze la to imagine
108Sempre presente,

Me par de vederte
In ogni sito,
ln ogni angolo
112El più romito,

E in mezzo a l'anima,
Minià dal fato,
Incancelabile
116Go el to ritrato.

Se ti è insensibile,
Se ti è de sasso,
Se le mie lagreme
120Fusse el to spasso,

Crudel! palesite
Senza dimora,
No far zogatolo
124De chi t'adora;

Dilo si, dimelo
Liberamente,
Che in ogn'ipotesi
128Sarò prudente,

[p. 239 modifica]


Me farò obligo
De gran secreto,
Sia del to biasimo,
132Sia del to afeto;

Solo rifleterte
Me sia permesso,
Che crudelissimo
136Oltre l'ecesso,

Anzi che barbaro
Ghe vol un cuor
Per no concederghe
140Premio a l'amor.

Cara, perdonime
Sto mio trasporto,
Soleva un misero
144Senza conforto,

Pensa che merita
Ben compassion
La severissima
148Mia situazion,

Che ze tiranide
Co se ricusa
Socorso a un povero
152Cuor che se brusa,

Che 'l ciel dei miseri
Fa la vendeta,
Quando el colpevole
156Manco l'aspeta,

[p. 240 modifica]


Che alfin dei calcoli
Se go falà,
Amar un anzolo
160Ze 'l mio pecà,

Che... ma qua termino;
Perchè me sento
Deboto vitima
164Del sentimento;

Me oprime un palpito
Drento del peto,
No ga più regola
168El mio inteleto,

La man me tremola,
Scrivo a gran stenti,
Scrivo co l'animo
172Pien de tormenti;

Cate! perdonime,
Te lo ripeto
Sto iresistibile
176Sfogo d'afeto,

E se ai mii spasemi
Sorda ti è ancora,
Almanco tolera
180Che mi te adora.