Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/237

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Dunque perdonime
Sto passo ardito,
Non imputarmelo
20Come delito,

O se ti reputi
Questa che sia
Colpa, assicurite,
24No la ze mia;

No, indispensabile
La ze l'efeto
De un amor tenero,
28De un caldo afeto

Che ga l'origine,
Catina mia,
Da un grado massimo
32De simpatia.

So ben che rigida
Nel giudicarme
Ti è capacissima
36De condanarme,

Perchè tantissimi
Ti me n'à dà
Segni infalibili
40De crudeltà;

Qel dì teribile,
Quel dì d'inferno,
No lo desmentego
44Mai più in eterno,