A dona Cate da la mia vilegiatura

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
A dona Cate
da la mia vilegiatura al Tagio su la Brenta,
el dì 10 setembre 1857
1857
←  A dona Cate che ga schivà l'ocasion Edission e fonte ▼ Co vardo quel muso  →


[p. 241 modifica]
A DONA CATE
DA LA MIA VILEGIATURA AL TAGIO SU LA BRENTA,
el dì 10 Setembre 1857.


Mi te amo de cuor,
     Catina cara,
     Ma del più casto amor,
     No ghe ze tara,
     5Son pronto de zurar,
     No ghe ze gnente da tegnir secreto,
     E Luigi pol star
     Col so cuor quieto;
     Quieto el pol star che no gh'è fin baron
     10Per ste do gran rason;
     La prima perchè ti ti è fresca e sana,
     Ti è zovene, ti è bela, ma ti è austera,
     Fora che col mario ti è una Susana,
     E un cuor ti ga più duro de la piera;
     15La seconda perchè mi fatalmente
     Son bruto, so assae vechio, so impotente,

[p. 242 modifica]

Un scarto, una caia
De quele da trar via,
Crussià da cento mali,
20Che sin me tol le facoltà mentali;
Ancuo no son de vogia,
So un pampano, un aloco,
Doman me vien la dogia.
Me domina el siroco;
25O sofro indigestion,
O go le convulsion,
O el calo o la buganza,
Opur dolor de panza,
O i denti me molesta,
30O ai ochi son aflito,
O che me dol el sito
De la testa;
Ora son tuto pesto,
Ora go pizza al naso,
35Ora me brusa el cesto
Per cause che le taso;
Son debole de peto,
So un vero lazzareto,
Una cariola,
40Un zero a la parola;
Adesso son suà,
Deboto son giazzà,
Go brufoli a la pele,
Molestia a le buele,

[p. 243 modifica]

45E fra le tante cosse
Go i nervi che me tira,
El rantego, la tosse,
I corni che me impira,
E sinamente go qualche rechioto
50De certe malatie,
Che purtropo ò sofrie
Da zovenoto;
Infati son adesso
Da sto ingrato complesso
55De malani,
E coi mii setant'ani,
Che go adosso,
Ridoto pele e osso,
E l'ago de l'amor,
60Che ga fato furor
Nei tempi andai,
No val i so pecai,
No lo regola più la calamita,
Fra i quondam l'è passa,
65E oramai lu no dà
Segni de vita.

Ma in onta a tuto questo,
Te zuro, te protesto
Ingenuamente,
70Me par d'esser beato
Co posso starte arente,
E te lo prova el fato,

[p. 244 modifica]

Che co so al to Cafè sera e matina
No fasso mai de manco
75De calumarne al fianco
De ti, bela Catina,
E se qualcuno ga ocupa el mio logo,
Alora nel mio interno
Mi lo mando a l'inferno,
80E buto fogo,
Aspetando impaziente quanto mai
El bel mumento de vegnirte a lai.

Là in estasi te vardo, là te miro
Depresenza incantà come un aloco,
85Ognitanto sospiro,
Ingioto la saliva e no te toco,
Sicuro che se mai slongo le man
In un modo tiran,
Severamente,
90Ti me mandi in tei vechi alegramente,
Te vien el simiton,
Ti me maltrati,
No ghe ze remission,
No ghe ze pati,
95E se te digo una galanteria
De quele che diria
Tanti e po tanti,
Che volesse con ti strenzer le strope,
Ti tol su el do de cope
100E ti me impianti,

[p. 245 modifica]

Perchè, no averte a mal,
Un cuor ti ga de azzal,
Al contrario del mio
Che, te lo zuro,
105El ze quel d'un conio,
No lo go duro,
No lo go duro no per mia malora,
Te l'ò za dito ancora,
E anzi a la parola
110El par de pasta frola,
Ma più da poco in qua,
Purtropo l'ò provà!

Cate, no te cogiono,
Invece de compare
115Te podaria esser pare,
Cate, te lo ripeto,
No bia che me vergogna,
So un vero lazzareto,
Una carogna;
120Cate, quel can de spechio
Che tase e dise tuto,
El me va ricordando che son vechio,
El me va persuadendo che son bruto;
Cate, del caso mio
125No ti senti pietà,
Ti ze tuta mario,
E so che ti me ga
Precisamente in cesto,

[p. 246 modifica]

Ma nonostante a questo
130Conosso,
Che no posso
Far de manco de amarte
Dapertute le parte,
E de volerghe ben
135A tutoquanto quel che te apartien;
Ghe voi ben a Luigi e ai to tre fioi
Giusto perchè i ze toi;
La to casa, ma più la to botega,
Quanto la me ze cara
140No serve che qua adesso te lo spiega,
El lato pol servirte de capara,
E prove non ocore,
Che voria starghe drento a tute l'ore,
Se el to Cafè, Catina,
145El mondo pol cascar,
No manco frequentar
Sera e matina,
A costo de tor su de la secada
Per darte co me comoda l'ochiada.

150Benedeto sia el dì che ti ze nata,
Benedeta la mama che t'à fato
Cussì bianca de neve e delicata,
Che quando te contemplo son beato;
Benedete le fasse, i panesei,
155E tute quele robe da putei,
Che à involto la Catina

[p. 247 modifica]

Co la gera bambina;
Benedite
Sia le tete,
160Che a la Cate
Ga dà late;
Benedeta
La seleta,
Dove sora i la sentava
165Co la gera un poco straca,
Opur quando ghe scampava,
El mio ben, da far la caca;
Infati benedeto
Che sia el scagno, sia el careto,
170E che sia qualunque cossa
Da la Cate doparada
Sin che l'è deventada
Granda e grossa.
Benedeto
175Sia mile volte el leto,
Dove adesso despogia
La note ti fa nana,
Sul qual, vogia o no vogia,
La mente mia tirana,
180Che no so ben frenar,
La me seduse a far
De quando in quando
Dei gran considerando;
Benedeto el sofà,

[p. 248 modifica]

185Indove che de istà
Qualche ora del dì ti è destirada,
Sia benedeta la carega che
Col to bianco dadrio ti sta sentada
E benedeto sina el to retrè,
190Del qual, te lo confesso in gran secreto,
Invidiar la fortuna son costreto.

Benedeto el vestiario che ti ga,
Ma sora d'ogni ogeto benedeta
Sia sempre la camisa che te sta
195Pusada in ogni parte più secreta,
Che te coverze e toca
Ti me pol ben capir,
Mi no lo posso dir,
Go l'aqua in boca;
200Benedeti che sia de ti, mia Cate,
I stivali, le scarpe, le zavate,
La tera che ti sapi,
Le cosse che ti chiapi,
El cibo che ti ingioti,
205E deboto diria,
Se no i fusse stramboti,
La roba digeria.

Benedeto quel muso da barona,
Benedeti quei ochi e quela boca,
210Benedeta sia tuta la persona,
Dove se manifesta, anzi traboca,
Le grazie più squisite, e ne fa fede

[p. 249 modifica]

Quanto ze belo quel che no se vede,
Quelo che taso per no dir qualcossa
215Da farte per modestia vegnir rossa.

Co tute le magagne che confesso
Per mia fatalita de aver adosso,
E coi mii setant'ani che go adesso,
Che amor no pol star sconto lo conosso,
220Perchè de Cate inamora a l'ecesso
Sconder ghe lo vorave ma no posso;
No ghe lo posso sconder, no gh'è caso,
No me vergogno a dirlo, no so bon
Per certe mie rason,
225Che adesso taso,
E po perchè al presente
Ze 'l mio amor per la Catina
Deventà cussì insolente,
Che de sera e de matina
230El me cresce a starghe arente;
El me cresce, me lo sento,
E se vago de sto troto
Vegnarà presto el mumento,
Mio malgrado, che ridoto
235Un deciso bacalà
Tutiquanti capirà,
Che de Cate mi son coto,
Sò a l'estremo inamorà.

Da sta racola che ò scrito
240Ti te pol imaginar

[p. 250 modifica]

Come e quanto qua in sto sito
Mi me devo mal trovar
Vari mia lontan da ti
Tante note e tanti dì;
245T'assicuro, Cate mia,
Che dir su no savaria
Co le povere mie rime
La crudel malinconia,
Che costante el cuor me oprime,
250Nè una risma de carta bastarave
Per scriver tuto quelo che vorave.

Da tanto che 'l dolor m'à consumà
Dopo che vivo qua
Da ti diviso,
255Diafano so ridoto,
Un scheletro deciso.
Un mostro da casoto,
E nel moral
Stago ancora più mal:
260Pianzo come che fava
Da putelo,
Quando che la massera me menava
A scuola col cestelo,
Opur quando al mio mestro
265Ghe capitava l'estro
De darme le sardele,
Che 'l me fava vedèr tute le stele;
Magno come che magna un canarin,

[p. 251 modifica]

Bevo quanto che beve un papagà,
270E sempre aqua detestando el vin,
Me svegio malapena indormensà,
Passo i zorni sarà in t'un camarin,
No podendo sofrir la società;
E i sospiri che trago ogni mumento
275I ghe somegia a refoli de vento;

Da quando che me levo sin la sera
Suo come un vovo, son inquieto, tremo,
Ora contemplo el cielo, ora la tera,
Ora digo orazion, ora biastemo,
280E ora senza mai che nissun senta
El Tagio maledisso e anca la Brenta.

Basta dir che mezzo mato,
Persa squasi la rason,
In un dì de aberazion
285Sto epitafio me son fato,
Aciochè quando saro,
Dio pur vogia presto no,
Da sto mondo separà
A godèr l'eternita,
290Su la piera,
Che me sera,
Fato mumia, ischeletrio,
Sia a gran letere scolpio:
— A ogni vechio
295Sia de spechio,
Che qua drento stà sepolto

[p. 252 modifica]

Quel Camilo, che da stolto
Ze spirà fra mile afani,
De la Cate inamorà,
300Nel'età
De setant'ani. —

E dessora del to avelo,
Quando in cielo
Ti sarà,
305Ani assae dopo de mi,
Go i mii eredi incaricà,
Che ghe sia scrito cussì:
— Gh'è in sto buso
El più bel muso,
310Che co massima bravura
Ga natura
Messo in tera,
Ma co un cuor fato de piera,
La più ingrata fra le ingrate;
315E gnent'altro perchè za
Tutiquanti capirà,
Che s'intende Dona Cate.

A sto passo
Mi stralasso,
320Perchè son cussì comosso,
Ti te pol imaginar,
Che vorave ma no posso
Co la pena seguitar,
Tantopiù po essendo certo,

[p. 253 modifica]

325Che digo digo e predico al deserto,
Memore che più d'un megio de mi,
Dei quali el nome voi tegnir secreto,
Morti spanti per ti,
I ga fenio co un fiasco maledeto.

330Cate mia, dunque bondì,
Mi desidero che presto
Passa el resto
De quei dì,
Che la sorte mia tirana,
335El mio barbaro destin,
Crudelmente me condana
A no esserte vicin.

Daghe intanto de cuor per conto mio
Un baso a la to Emilia, al to Almorò,
340E a la nostra Giulieta almanco do,
Che co tornarò indrio
Faremo i conti,
E te rimborsarò pagando a pronti,
Anca, se ti vorà, sta pur sicura,
345Con generosa usura;
Perchè po nissun sospeta,
Che ghe sia certe rason,
Se parlando de Giulieta
Nostra ò dito, sta espression
350Mi dichiaro che l'ò usada
Per averla batizzada,
E gnent'altro, da omo onesto

[p. 254 modifica]

Francamente lo protesto.
A mio compare, che ze to mario
355Daghe, e te parlo qua
Con tuta serietà,
Un carissimo adio,
E un saludo ai mii amici tutiquanti,
Mostrandoghe a qualunque la presente,
360Perchè chi ze infelici, e vien compianti,
Qualche solevo a le so pene i sente,
E mi in mezzo al dolor son qua che aspeto
De sentir che i me diga: — povareto! —