Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/242

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che alfin dei calcoli
Se go falà,
Amar un anzolo
160Ze 'l mio pecà,

Che... ma qua termino;
Perchè me sento
Deboto vitima
164Del sentimento;

Me oprime un palpito
Drento del peto,
No ga più regola
168El mio inteleto,

La man me tremola,
Scrivo a gran stenti,
Scrivo co l'animo
172Pien de tormenti;

Cate! perdonime,
Te lo ripeto
Sto iresistibile
176Sfogo d'afeto,

E se ai mii spasemi
Sorda ti è ancora,
Almanco tolera
180Che mi te adora.