Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/295

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TESTAMENTO DELL'AUTOR.


SONETTO


Zà, ch'ancora me trovo san de mente,
    Considerando, che la morte è certa,
    E che de questa l'ora è sempre incerta,
    4Voi disponer del mio colla presente,

Scritta da man amiga, e confidente,
    E sigillada da persona esperta,
    Perchè a so tempo, e liogo la sia averta,
    8Ed eseguida inviolabilmente.

Rivoco, annullo, e casso ogn'altra mìa,
    Disposizion, e intanto ordino, e vogio,
    11Che l'ultima de tutte questa sìa;

Ma prima de disponer mi me dogio,
    Se avesse fatto mal, che no vorrìa
    Sperando 'l Porto urtar in qualche scogio.
                        15Quando, ch'hò fenìo l'ogio,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/295&oldid=60944"