Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/297

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



I Frati, acciò de mi no i se scordasse,
    Ghe lasso tutte quante le bardasse.
                        33Le rime mie più grasse

A quelli, che s'hà tiolto più trastulo,
    Mi ghe le lasso da forbirse 'l Culo;
                        36E se mai qualche Mulo,

Perchè mi gò fottù de quà, e de là,
    Vegnisse a domandar l'Eredità,
                        39Lasso per carità,

Che tutti quei, che 'l trova per la strada,
    Ghe daga la so bona buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/297&oldid=64861"