Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/296

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Perchè de là no posso portar gnente;
    Erede universal lasso la zente,
                        18Che vive allegramente.

Item le zoggie mie più rare, e bone;
    Voggio dir le mie care buzarone,
                        21Che colle so gran Mone

M'hà dà a sto Mondo tanto gran solazzo,
    Le lasso tutte a chi ghe tira 'l Cazzo.
                        24A qualche bon gramazzo,

Che la vita vuol far dei chiettinoni,
    Ghe lasso, che 'l se gratta i so cogioni.
                        27A certi satraponi,

Che vuol tutte le mode criticar,
    El mio Osello ghe lasso de menar.
                        30Item per no privar

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/296&oldid=64860"