Tribade prima

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Il Conclave Edission e fonte ▼ Tribade seconda ossia il Cazzo d'Ancillo  →
[p. 121 modifica]
La Tribade prima.


Che no vada zò dei bazzeri
     Se gà cuor de predicarne
     Cò del gheto una tribaide
     Vien la musa a stuzzegarme?
Co se vede machinada
     Contro el cazzo una congiura
     Per serarghe quela strada
     Che ghe averze la natura?
Co una striga buzzerona 1
     Che se crede un'altra Venere
     Per vogarne su la mona
     Fa pazzie de novo genere?
E ghe xè chi pol sorprenderse
     Che no staga quieto el cielo,
     Che ogni zorno Giove incolera
     Manda zò qualche flagelo?
Che se spaca le montagne,
     Che se senta el teremoto,
     Che se alaga le campagne
     Che ne dura el tempo roto? 2
Si per Dio, che l'è un miracolo
     Se no nasse pezo ancora,
     Se no andemo tuti in cenere
     Come a Sodoma, e a Gomora.
Se pol dar magior strapazzo,
     Per el sesso mascolin,
     Che se intimi bando al cazzo
     Da una fia de Beniamin?

[p. 122 modifica]

Che una vaca de Israelo
     Impenia de carne d'oca
     Vogia invece de l'oselo
     Divertirse co la coca?
Che sta mata da postribolo
     Se vien fora un bel bocon
     Sia la prima a torghe ai omeni
     La polpeta dal piron!
Donca el membro un capo inutile
     Per custia deventerà,
     E una porca de clitoride
     I so gusti usurperà?
Vogio ben che per dar pascolo
     A sta infamia da sassae
     Per un caso straordinario
     La la gabia longa assae.
Che impastada de lusuria
     La ghe tira come un cazzo;
     Ma per Dio che e xè buzzere
     Nol pol esser che un strapazzo,
Cossa val una clitoride
     In confronto de le bote
     Misurae da un membro zovene
     Che resista zorno e note?
Per sto nobile istromento
     Che natura n'à concesso
     Sempre l'omo el soravento
     L'a godesto sul bel sesso.
E se a caso e se desmentega
     D'esser nato lu Sovran
     L'è sol quando per zogatolo
     El ghe acorda el scetro in man.

[p. 123 modifica]

Cossa gala de mirabile
     Sta rabiosa messalina
     Per chiapar le done in trapola
     Co l'ebraica so musina?
Xelo netare spermatico
     Xelo miel che ghe vien fora,
     Cossa xè la forza magica
     Che le ferma e le inamora?
Gala forsi la virtù
     De parlar co regni stigi,
     Col favor de Belzebù
     Fala incanti o sufumigi?
Gala rospi, gala vipere,
     Gala gati scortegai,
     Pignatele, vasi, tripodi
     Per cavar brodi tirai?
Più che penso, più che rumino
     Sul poter che gà sta striga
     No capisso perchè meriti
     La ne roba a nù la figa.
E pur zà co nostro scandalo
     A sta ora la so mona
     Pol mostrar superba ai omeni
     Una triplice corona.
D'una ebrea chiapada in rede
     Parla ancora el bel palor 3
     E ghe xè chi ancora crede
     Vivo in ela el primo amor.
Una dona da cartelo 4
     Spanta morta per custia
     La s'à visto sul più belo
     Minaciada d'etisia,

[p. 124 modifica]

E a sta comica conquista
     Scedendo una francese
     À dovesto star in crista
     Tuti i cazzi del paese.
Ma se quietela sta infame?
     Vien adesso su la scena
     A promoverghe la fame
     Un amabile sirena. 5
Al so arivo do gran zizole
     Do famosi cicisbei
     I se scalda e messi in gringola
     I fa cosse da putei.
Sta promisqua simpatia
     D'amicizia strenze el nodo,
     I tol palco in compagnia
     I se vede andar in brodo.
Ma una sera che nel numero
     De l'ochiae no gera el cento
     In balanza perfettissima
     I s'à dito qualche afronto.
E divisi alora d'animo
     I s'à mosso guera averta
     Finchè el fiasco solenissimo
     À deciso una scoperta.
El trionfo, oh che vergogna!
     De chi xelo? de l'ebrea,
     Co i so incanti sta carogna
     La la tira presto a mea.
Regaleti, visitine,
     Figai d'oca, fruti, fiori
     Mile essenze peregrine
     Per la coca mile odori.

[p. 125 modifica]

Tuto el publico la vede
     In proscenio a san Moisè
     Far pazie che no se crede
     Co presenti no se xè.
I riguardi la calpesta,
     La se tien sta porca in bon,
     La vien fora co la testa,
     La xè tuta in convulsion.
Guai se a caso la cantante
     Fissa i ochi in qualche ogeto,
     La deventa una bacante,
     La se sbrega el fazzoleto,
E po dopo la se modera,
     La se mostra più serena,
     E par zà che meza estatica
     Dal piacer la se la mena
In che tempi mai vivemo?
     Cossa manca a sta putana?
     Che in quel palco la vedemo
     A cavarse la pavana.


ANNOTAZIONI
  1. [p. 127]L'ebrea Treves eontro la quale è stata scritta la presente satira, fu fornita dalla natura d'una Clitoride così lunga, che gli serve di membro. La di lei lusuria per le Donne è una cosa nota a tutta la Città come lo sono i suoi amori colle donne nominate in seguito.
  2. [p. 127]L'ebrea Treves eontro la quale è stata scritta la presente satira, fu fornita dalla natura d'una Clitoride così lunga, che gli serve di membro. La di lei lusuria per le Donne è una cosa nota a tutta la Città come lo sono i suoi amori colle donne nominate in seguito.
  3. [p. 127]La Coen.
  4. [p. 127]La Basi comica.
  5. [p. 127]La Canonici cui facevano la corte contemporaneamente Beltramelli e Grondoni.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Tribade_prima&oldid=58489"