Il Conclave

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Giudizio imparziale sull'Anedoto di Palfi colla Marietta Edission e fonte ▼ Tribade prima  →
[p. 114 modifica]
NOTA PRELIMINARE

Il mio passo grave, e una certa compostezza di persona che pare in contradizione con questo genere di poesie, mi fecero meritare un giorno il titolo di Papa Sisto dallo scherzevole Tommaso Soranzo, venuto allora di fresco da suoi viaggi in Francia, e in Inghilterra. La burla prese voga e creatomi Papa così di sbalzo si credette opportuno di venire alla nomina d'alcuni Cardinali, e di formare un concistoro poetico alla tavola dell'ospitalissimo nostro Mecenate. Fu dunque nominato Soranzo Cardinale Decano, Giuseppe Ancillo farmacista Cardinale Paca, Niccoletto Streffi Cardinale Brancadoro, e Giuseppe Corner Cardinale Zamaria. Il Poeta cercò di far conoscere alla meglio la giusta appllcazione di queste nomine traendo partito dalle particolarità di ogniuno. Furono aggiunti al Concistoro il Cavalier Alvise Querini, il celebre letterato Mustoxidi, il Cavalier Tordorò, Alvise Pisani, e il giovane Toffetti, dando a ciascheduno un impiego relativo ai fasti loro individuali. S'apre il Concistoro colla benedizione papale piuttosto viva, tenendo alla generale opinione sul carattere di Papa Sisto, che non la perdonava neppur a Cristo secondo il proverbio.

Tutto è permesso fra la gioia dei bicchieri, ne mi si faccia una colpa se l'esordio eccede un poco i limiti.

IL CONCLAVE


Nù, per la grazia del cielo, e dei cogioni
     Che da San Piero in quà ne lica el tondo,
     E crede el Papa sul magior dei troni
     Messo da quelo che à redento el Mondo
     Senz'arme ne soldai contro i birboni
     Ch'el Diavolo mandasse dal profondo
     Per far capir che no se dà cagnera
     Più bela de la nostra su la tera,

[p. 115 modifica]

Nù col favor del terno onnipotente
     Regnante in carne e in ossi Papa Sisto
     Sul catolico mondo penitente,
     Nù Vicacrio e Fator de Gesù Cristo
     Consolà de veder che la mia zente
     Struscia con zelo per el santo acquisto
     De le virtù che gà per premio i cieli
     Dal benedir comincio i mi fedeli,
E in sta benedizion (che zà no cava,
     Me sia permesso de sbararla un cazzo
     Per la gloria de là; ma che xè biava
     A do terzi del mondo visdecazzo.)
     No solo quei che vive e quei che chiava
     Dipendenti da nù mi chiapo a mazzo,
     Ma benedir intendo anca i futuri
     Tanto del nostro afar semo sicuri.
Vedo un poco ristreto el Concistoro
     Che per ogeto gà tre promozion;
     Ma gh'è per altro el fior, la spiuma, l'oro;
     Ghe xè i quatro che regola el timon,
     Gh'è Paca, Zamaria, gh'è Bracadoro
     Gh'è el cardinal decan vero omenon,
     Posso i venti sfidar e le tempeste
     Co la mìa nave gà ste quatro teste.
El cardinal decan (che per la rima 1
     A l'ordine mancando ò el quarto messo)
     Xè stà nel fotisterio testa prima
     Piacer, delizia del femineo sesso;
     Decan l'ò fato perchè zà l'è in cima
     De serar la botega e ve confesso
     Che me despiase assae che lù da banda
     El meta quel so afar de propaganda.

[p. 116 modifica]

Ma tanto ancora al cardinal ghe avanza
     De spirito, de grazia, e de prontezza
     Che se nol pol più penetrar in panza
     No ghe nega le done una carezza;
     El viazza, el gira in Inghilterra in Franza,
     L'è pien de bezzi e a furia de grandezza
     Tirar a fede el pol più d'una bela
     Co la cardinalizia so capela.
Paca xè nel so fior: lù fote a maca, 2
     Da la matina a sera l'è in ardenza,
     In origine l'è pesta triaca,
     Ma su tuto lù spua la so sentenza
     Per questo el nome ghe stà ben de Paca
     E del so ludronismo l'ecelenza
     Nei casi riservai tanto me val
     Che fazzo del so ardir gran capital.
E me servo de lù co el gabineto
     Gà bisogno de un muso da putana,
     De un'inzegno che pizzega del gheto,
     De una vose da racola o da rana;
     Lù me sà dir co quanti cazzi in leto
     Xè stada la Tonina o la Mariana.
     Sò de tuti la storia e gusto assae
     D'aver la lista in man de le chiavae.
Zamaria xè un'amabile persona 3
     Che un poco in vechio ha fato la so parte
     Campion a tuto pasto de la mona
     E per tera e per mar campion de Marte;
     De un tanto cardinal fama ragiona,
     E se fortuna gà cambià le carte
     Ghe resta i gusti noti fra le bele
     De farselo menar tra do tavele.

[p. 117 modifica]

E con mi tuti in pena i cardinali
     In sti zorni xè stai ch'el caro mato
     Per el ziro de certi capitali
     Fusse lontan per un afar privato;
     I economisti tuti xè bocali
     In confronto de lù: lo sà el mio stato
     Quanto el zoga de scherma e de finezza
     Cò de bezzi in erario gh'è scarsezza.
Peca un fià Brancadoro d'indolenza 4
     Colpa in parte de fina tessitura,
     E de l'abuso de la so semenza
     Adorando el creator ne la creatura;
     De grazie e de maniere quinta essenza,
     No gh'è dona che possa restar dura
     Le casca tute come peri gnochi
     E Brancadoro el primo casca a tochi.
La rason de sto nome al Concistoro
     L'ò publicada co gò dà el capelo,
     L'ò chiamà fin d'alora Brancadoro
     Per certa vogia nata da putelo
     De brancar s'el podesse un saco d'oro
     Che mai ghe acorda per disgrazia el cielo,
     Ma se crepasse un barba ch'el gà a Zara
     El branca certo, e un saco el me prepara.
Venimo ai nostri afari: el tempo trota
     E se perdemo in buzzere per Dio,
     Un cavalier ghè quà de fama nota
     Diletante ai so tempi de da drio 5
     El posto vaca de auditor de rota,
     E calcolo facendo del so brio
     Me par che un posto el sia degno d'un omo
     Che à ben scartabelà del mondo el tomo.

[p. 118 modifica]

E come in zoventù a Costantinopoli
     Ambasciator l'è stà dei Veneziani
     Portando via la moda fra quei popoli
     De pararghelo suso ai Musulmani
     Ghe intimo d'aver l'ochio ai nomi in opoli
     Che n'à tolto de man tanti cristiani
     Sti afari xè per lù manco del gnente
     Co l'uso fato de cercar l'oriente.
Un leterato gh'è de prima sfera 6
     Che xè pien de bon gusto e de dotrina;
     De la rica d'inzegni Grega tera
     Risplende in lù la fiacola divina;
     Fisseghe l'ochio pur su quela ciera
     De zalognola tinta peregrina,
     A muso vederè ch'el gà la marca
     De chi d'erudizion se chiama un'arca.
E in vista de sti pregi distintissimi
     Invernizai da certa cara unzion,
     In libertà ve lasso, eminentissimi
     De nominarlo o Borgia o Bessarion,
     Se a la mona nù semo propensissimi
     Se preferimo a un libro un culo bon
     Per la gloria và ben del mio Papato
     Che abiemo cardinal un leterato.
Finalmente al capelo xè aspirante
     Un vechio che sui lavri porta el cuor 7
     Un che xè sta fra tante guere e tante
     De imensissime armae capo ispetor,
     Che à manizzà milioni de contante
     Senza farse la ponga da signor
     Anzi insultando tanto la fortuna
     Ch'el bate spesso (chi diria?) la luna.

[p. 119 modifica]

Quel bel carateron d'antisuismo
     Che ghe spazisa comodo la zuca
     Dove mai de la moda el scimiotismo
     À podesto piantarghe una peruca,
     Quel novo e original filantropismo
     Averto al povereto che lo inzuca
     D'Antiochia domanda el pastoral
     E certo son del voto universal.
E circa pò quel biondo zovenoto
     Avanzo d'un gran tronco sconquassà 8
     Che solo, povereto, à avudo in loto
     La basa de una vechia nobiltà
     Posto che no l'è gnente zizoloto
     E con certa prudenza in mona el và
     Secretario lo fazzo, e ghe prometo
     Chè avanti l'andarà che lo gò in peto.
Sento pò a dir che gh'è de Paca amigo
     Un zovene in amor d'alte pretese 9
     Che dà a vicenda e che tol drento el figo
     Morbinoso co tuti e assae cortese;
     Che l'è italian, ma che per certo intrigo
     El cardinal decan lo vol francese,
     E de fati se el muso ghe osservè
     L'è proprio de quei bruti retroussè.
Paca parlo co vù: conosso el mondo,
     Co un poca de prudenza se fà tuto;
     I cardinali à sempre usà del tondo
     Come el bocon più nobile e più suto,
     El francese xè fresco e de pel biondo,
     El me piase anca a mì, l'è un caro puto,
     Ma quel torvelo sempre soto el brazzo
     No me garba e un divieto ve ne fazzo;

[p. 120 modifica]

Me par d'aver pensà quanto che basta
     Ai bisogni importanti de la chiesa.
     La xe una nave cariolada e guasta
     Che domanda ogni dì taconi e spesa;
     Zelante son, ma i venti la contrasta
     Se tuti no concore in so difesa;
     Ò dito e spero d'aver dito ben
     Che ste cosse da l'alto le me vien.


ANNOTAZIONI
  1. [p. 122]Il nobiluomo Tommaso Soranzo.
  2. [p. 122]Giuseppe Ancillo Farmacista.
  3. [p. 122]Il Cavalier Giuseppe Corner.
  4. [p. 122]Nicoletto Streffi greco.
  5. [p. 122]Il Cavalier Alvise Querini.
  6. [p. 122]Il letterato Mustoxidi greco.
  7. [p. 122]Il Cavalier Tordorò.
  8. [p. 122]Alvise Pisani.
  9. [p. 122]Il giovane Vincenzo Toffetti.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_Conclave&oldid=58314"