Sogno de l'aqua grossa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
Intermezzo: SOGNO DE L'AQUA GROSSA
1922
←  Libro II.° — DONA LOMBARDA Edission e fonte ▼ Libro III.° — IN CITÀ E IN CAMPAGNA  →
[p. 121 modifica]
INTERMEZZO


SOGNO DE L'AQUA GROSSA


(EPISODIO)


A RENATO SIMONI
[p. 122 modifica]



NOTA


L' A. in questi sonetti, ricorda uno degli episodi centrali della memorabile inondazione del Settembre 1882, che tragicamente offese la bella Verona, anche per le crudeli postume mutilazioni, alle quali il bel corpo soggiacque, col rettifilo del fiume.

L'A. aveva allora dieci anni circa e bloccato nella sua casa nativa a pochi passi dal monumentale ponte Nuovo, assistette al crollo dello stesso ed alla rovina di una contrada di rimpetto sul fiume, la così detta Binastrova.

La piena d'Adige cominciò alle ore 5 pom. del 15 Settembre raggiungendo il massimo di quasi cinque metri sopra guardia, alle 5 pom. del 17. — Cominciò a decrescere il giorno 19. — Caddero 32 case, 40 furono gravemente danneggiate, 2500 subirono l'invasione delle acque. Furono distrutti in città due ponti e ben 17 molini natanti travolse la corrente.




[p. 123 modifica]
I.

El me Àdese, el capita a Verona,
par tòrse in brasso el fior de la çità,
e de note el la cuna, el canta e el sona
4arie dei monti e salti in riva ai prà.

De inverno el core zò giusto de bona
col «fru fru» de la seda imboressà,1
e a metà Marso el supia,2 el se imusona
8coi primi progni,3 che lo tien montà!

E l'è alora che «quei de Pescantina4
par un'asse i se nega» e sora Trento
11i mete zò le sâtare5 e i camina

co i omeneti driti sul parecio
de le bòre6 incambrade lì al momento,
14che sfida i ponti e ferma a Castelvecio.7

[p. 124 modifica]


II.

Ma verso Autuno, quando se maura
l'ùa «molinara» e la biancheta d'oro,8
capita çerte piove che le dura
4sensa dar tregua mai, sensa ristoro,

in fin a tanto che una note scura,
l'Àdese gialo el te deventa moro,
l'è più tera che aqua, el fa paura
8co i filoni ingropadi e el fià da toro...!

I molinari de la «Campagnola»9
quei de Santa Anastasia,10 so «patrona»
11stissa le torse e tira le cadene;

e i molini se inarca su le schene,
col lanternin tacado a la Madona,
14tuti un convulso e col fermento in gola!

[p. 125 modifica]


III.

Eco finestre a sbàtarse e tra i fumi
del sono roto dal presentimento,
par ogni buso o casa o apartamento
4te comparisse e scomparisse i lumi!

Maria Santa! — Tra un rosso de barlumi
da «Sotoriva» scapa un bastimento,11
l'infila el ponte el se ghe insuca drento,
8el fa 'na scapriola e el va in frantumi!

Mama, che bota! Póro Ponte Novo,12
che te guardavi sempre le piture
11del palasso Da Lisca13 coi putini...!

No se sà gnente adesso che l'è strovo,14
ma cissà mai doman che batidure,15
14che te sì stà tradido da i molini!

[p. 126 modifica]


IV.

Co i primi ciari lividi del giorno,
che se scominsia a vedarghe pianin,
ci g'à l'aqua in botega o in magasin,
4se dà le mane subito da torno.

La corente te mete el capo storno
co una furia de tanfo e de freschin;
le galarie le boie dal tombin...
8Ah Verona! El to omo el te fa un corno!

La cità de le càneve l'è piena,
picia i vesoti16 soto i fondamenti;
11dai possi, el secio porta su aqua giala;

core i pompieri, in barca, co la scala,
dove l'aqua più tenta i tradimenti...
14La gente guarda come ai salti17 in 'Rena!18

[p. 127 modifica]


V.

I Veronesi, alora teste esperte,
se la godea co l'aqua par le strade,
a l'ombra fresca de le ombrèle verte,
4che pioveva, pioveva a mastelade...

Se le putèle se mostrava incerte
de traversarla a cotole levade,
le podea ben tentar, che j-era cuerte
8se no altro le pùpole,19 de ociade!

Ma l'aqua cresse in modo che impressiona;
quei che guarda dai ponti i fila via
11fasendose un gran segno de la crosse,

e te vedi passar drento Verona,
co l'Adese che fa da ferovia
14casse da morto e mobili de nosse!

[p. 128 modifica]


VI.

Passa le asse de le segarie,
che i tirolesi i tràfega in montagna,
le grepie intate de le bòarìe,
4co i canoti,20 col fien, co l'erba spagna:

banchi de ciesa e intiere sagrestie,
trave da sàta e trave da filagna,
e su le trave de le brute strie,
8che cavalca el disastro e fa cucagna!

Passa cuerti de paia e pavimenti,
le vache sgonfe, i porchi sbalotadi
11e tuti quanti i sete sacramenti;

tochi de ponti, molini desfadi,
e carosse e cavai coi fornimenti,
14e gambe e brassi e teste de negadi!

[p. 129 modifica]


VII.

Co s-ciaransane21 torbide de argento,
una capa de piombo se destende...
J-è le notissie perfide, tremende,
4che l'«aqua grossa» porta zò da Trento!

E semo al colmo del combatimento,
che le rive tien duro e no se arende;
gh'è mejara22 de anime che tende:
8pali, cariole, sachi e tórse a vento!

La çità sassinada a sangue vivo,
la pensa adesso a un muralion tardivo...
11E da un argine a l'altro de le Basse,23

par salvar le so bestie e le so strasse,
giuteme prima mi, che vôi giutarte,
14i sogna un sbrègo24 da quel'altra parte!

[p. 130 modifica]


VIII.

Casca el ponte! — Un gran urlo, una colona
alta come la Tor,25 de melma scura,
'na ventada, un fantasma de paura,
4che te sconquassa, insemenisse,26 intrôna...

Gh'è ci se buta in brasso a la so dona,
ci trasporta le tende su le mura
che i crede la çità poco sicura,
8che i pensa vaga zò mesa Verona!

Adio vecio! Adio amigo, che te trovo
massacrà sul to leto e sensa prete...
11Mi t'ò visto cascar bel ponte Novo!

E dai copi vedea, soto la piova,
una a la volta, chiete, chiete, chiete,
14morir le case de la Binastrova!27

[p. 131 modifica]


IX.

Quando ste vecie strine28 fin a l'osso
le pressipita in tochi a la rovina,
l'è come se spacasse un gran scartosso,
4un emporio de roba casalina...!

L'è un salto, un cioco, una fumada, un posso
che se sprofonda, un sbrêgo de tendina,
che te spalanca quel che no conosso,
8da le stanse da leto a la cusina!

E alora resta lì tacadi via
Garibaldi e la Vergine Maria,
11sul gialo e blù de la tapessarìa,

e el cuculo29 su e zò mena la coa,30
come che el fusse ancora a casa soa,
14e el segna l'ora de la Binastroa!...



Note a cura de l'autor
  1. Quando nei geli inconsueti si ascolta dai ponti come un sommesso fruscio di seta cruda, prodotto dallo sfregamento del ghiaccio, che si stacca dai bordi delle rive e corre lungo il fiume...
  2. supia: soffia
  3. progni: torrenti, affluenti straordinarî in caso di acquazzoni improvvisi
  4. Ridente e pittoresco paese sul fiume, già famoso come cantiere di barche da trasporto. — Il detto «par un'asse i se nega» si riferisce alla caccia del legname portato giù dalle piene improvvise. — Si applica anche al gioco del Tresette, nel Veronese.
  5. sâtare: zattere
  6. bòre: fusti d'albero pronti per la lavorazione
  7. A Castelvecio - Castello Scaligero, nei pressi del quale si usava scaricare le legne.
  8. molinara e biancheta d'oro: qualità d'uve della Valpolicella e Soave.
  9. Campagnola - Sobborgo di Verona, coltivata ad ortaglia e ricco una volta di una bella parata di molini natanti.
  10. Anche alla Sottoriva di Santa Anastasia apparteneva un gruppo di una ventina di molini oggi scomparsi.
  11. Nel senso di molino.
  12. Ponte Novo - Rifatto per l'ultima volta sotto il doge Andrea Gritti nel 1529 - caduto il 17 settembre 1882 - rinnovato poi altre due volte in ferro e pietra.
  13. Bel palazzo sul fiume, ora demolito per dar posto ai muraglioni. Era ricco di affreschi del Brusasorci e Tullio India, ora raccolti nel palazzo della Gran Guardia.
  14. strovo: scuro
  15. batidure: contusioni, offese
  16. vesoti: vasi vinari
  17. salti: giuochi di circo
  18. Rena: anfiteatro romano
  19. pùpole: polpacci
  20. canoti: le canne della polenta
  21. s-ciaransane: chiarori di nubi quando il tempo è in moto
  22. mejara: migliaia
  23. Basso Adige
  24. sbrego: nel senso di rotta
  25. Tor — La Torre dei Lamberti in piazza delle Erbe.
  26. insemenisse: rende stupidi
  27. Binastrova — Strada oscura — Correva a sinistra dell'Adige tra il Ponte Nuovo e Ponte delle Navi e fu quasi tutta abbattuta dalla piena.
  28. strine: secche, aggrinzite
  29. cuculo: orologio a cuculo
  30. coa: coda, nel senso di pendolo