Pagina:I sogni.djvu/125

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


I.

El me Àdese, el capita a Verona,
par tòrse in brasso el fior de la çità,
e de note el la cuna, el canta e el sona
4arie dei monti e salti in riva ai prà.

De inverno el core zò giusto de bona
col «fru fru» de la seda imboressà,1
e a metà Marso el supia,2 el se imusona
8coi primi progni,3 che lo tien montà!

E l'è alora che «quei de Pescantina4
par un'asse i se nega» e sora Trento
11i mete zò le sâtare5 e i camina

co i omeneti driti sul parecio
de le bòre6 incambrade lì al momento,
14che sfida i ponti e ferma a Castelvecio.7

  1. Quando nei geli inconsueti si ascolta dai ponti come un sommesso fruscio di seta cruda, prodotto dallo sfregamento del ghiaccio, che si stacca dai bordi delle rive e corre lungo il fiume...
  2. supia: soffia
  3. progni: torrenti, affluenti straordinarî in caso di acquazzoni improvvisi
  4. Ridente e pittoresco paese sul fiume, già famoso come cantiere di barche da trasporto. — Il detto «par un'asse i se nega» si riferisce alla caccia del legname portato giù dalle piene improvvise. — Si applica anche al gioco del Tresette, nel Veronese.
  5. sâtare: zattere
  6. bòre: fusti d'albero pronti per la lavorazione
  7. A Castelvecio - Castello Scaligero, nei pressi del quale si usava scaricare le legne.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/125&oldid=66807"