Pagina:I sogni.djvu/126

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



II.

Ma verso Autuno, quando se maura
l'ùa «molinara» e la biancheta d'oro,1
capita çerte piove che le dura
4sensa dar tregua mai, sensa ristoro,

in fin a tanto che una note scura,
l'Àdese gialo el te deventa moro,
l'è più tera che aqua, el fa paura
8co i filoni ingropadi e el fià da toro...!

I molinari de la «Campagnola»2
quei de Santa Anastasia,3 so «patrona»
11stissa le torse e tira le cadene;

e i molini se inarca su le schene,
col lanternin tacado a la Madona,
14tuti un convulso e col fermento in gola!

  1. molinara e biancheta d'oro: qualità d'uve della Valpolicella e Soave.
  2. Campagnola - Sobborgo di Verona, coltivata ad ortaglia e ricco una volta di una bella parata di molini natanti.
  3. Anche alla Sottoriva di Santa Anastasia apparteneva un gruppo di una ventina di molini oggi scomparsi.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/126&oldid=66810"