Pagina:I sogni.djvu/126

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



II.

Ma verso Autuno, quando se maura
l'ùa «molinara» e la biancheta d'oro,1
capita çerte piove che le dura
4sensa dar tregua mai, sensa ristoro,

in fin a tanto che una note scura,
l'Àdese gialo el te deventa moro,
l'è più tera che aqua, el fa paura
8co i filoni ingropadi e el fià da toro...!

I molinari de la «Campagnola»2
quei de Santa Anastasia,3 so «patrona»
11stissa le torse e tira le cadene;

e i molini se inarca su le schene,
col lanternin tacado a la Madona,
14tuti un convulso e col fermento in gola!

  1. molinara e biancheta d'oro: qualità d'uve della Valpolicella e Soave.
  2. Campagnola - Sobborgo di Verona, coltivata ad ortaglia e ricco una volta di una bella parata di molini natanti.
  3. Anche alla Sottoriva di Santa Anastasia apparteneva un gruppo di una ventina di molini oggi scomparsi.