Pagina:I sogni.djvu/132

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



VIII.

Casca el ponte! — Un gran urlo, una colona
alta come la Tor,1 de melma scura,
'na ventada, un fantasma de paura,
4che te sconquassa, insemenisse,2 intrôna...

Gh'è ci se buta in brasso a la so dona,
ci trasporta le tende su le mura
che i crede la çità poco sicura,
8che i pensa vaga zò mesa Verona!

Adio vecio! Adio amigo, che te trovo
massacrà sul to leto e sensa prete...
11Mi t'ò visto cascar bel ponte Novo!

E dai copi vedea, soto la piova,
una a la volta, chiete, chiete, chiete,
14morir le case de la Binastrova!3

  1. Tor — La Torre dei Lamberti in piazza delle Erbe.
  2. insemenisse: rende stupidi
  3. Binastrova — Strada oscura — Correva a sinistra dell'Adige tra il Ponte Nuovo e Ponte delle Navi e fu quasi tutta abbattuta dalla piena.