Pagina:I sogni.djvu/127

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



III.

Eco finestre a sbàtarse e tra i fumi
del sono roto dal presentimento,
par ogni buso o casa o apartamento
4te comparisse e scomparisse i lumi!

Maria Santa! — Tra un rosso de barlumi
da «Sotoriva» scapa un bastimento,1
l'infila el ponte el se ghe insuca drento,
8el fa 'na scapriola e el va in frantumi!

Mama, che bota! Póro Ponte Novo,2
che te guardavi sempre le piture
11del palasso Da Lisca3 coi putini...!

No se sà gnente adesso che l'è strovo,4
ma cissà mai doman che batidure,5
14che te sì stà tradido da i molini!

  1. Nel senso di molino.
  2. Ponte Novo - Rifatto per l'ultima volta sotto il doge Andrea Gritti nel 1529 - caduto il 17 settembre 1882 - rinnovato poi altre due volte in ferro e pietra.
  3. Bel palazzo sul fiume, ora demolito per dar posto ai muraglioni. Era ricco di affreschi del Brusasorci e Tullio India, ora raccolti nel palazzo della Gran Guardi
  4. strovo: scuro
  5. batidure: contusioni, offese