Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/115

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GHE VUOL L'AGIUTO DIVINO PER SALVARSE.


SONETTO


Sò, che chi hà fatto mi senza de mì
    No me vuol mi senza de mi salvar;
    Cossa donca de mi possio sperar,
    4Quando no fazzo ben più de cussì?

Quelo, che fazzo ancuò, fazzo ogni dì,
    E fazzo quello, che no devo far,
    E, per quanto vorrave in drìo tornar,
    8Mi continnuo sto viazo sempre pì;

Se 'l tempo, e la razon forza no gà
    De far sì, che mi supera sta giostra,
    11Qual'altra forza mai trionferà?

Signor alla mia mente, che se prostra;
    Fè veder, che mi sia tutto cambià,
    14E che l'è stada tutta guerra vostra.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/115&oldid=60654"