Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/306

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Dopo, che per culìa mi hò tanto fatto 52 
Donca la mia morosa xe novizza 53 
Da un rustico Paese 64 
De Platon la dottrina giera questa 108 
Delle volte me passa per la mente 114 
D'esser solo a sto Mondo mi gò in testa 116 
Dirghe al mio Cazzo 145 
Dopo, che tanti gà letto 173 
Dell'Areopago i Giudici prudenti 197 
De negro và vestìe le nostre Dame 209 
Dov'è quella Città cussì brillante 215 
D'Eurisbe col favor vù sì, che in cima 229 
Dove, Missier Cupido, aveu trovà 241 
D'opinion mi sarave francamente 279 
E
Estinguendo se và tanti ricconi 191 
E chi questo agitò spergiuro letto 229 
Erostrato per farse nominar 258 
El morir no me dà pena 281 
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/306&oldid=64722"