Mariegola de san Nicolado dei galafadi

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Mariegola de san Nicolado dei galafadi
1211, con zonte sucessive
Edission e fonte ▼
Sto testo el xe la mariègola, cioè el statuto, de l'antica società de mutuo soccorso dei calafati de Ciosa (N.d.R.)
[p. 21 modifica]
MARIEGOLA DI S. NICOLADO


DEI GALAFADI


I.

Questa si è la mariegola deli galafadi de Cloza, che Dio i conserva1.


Capitolo I.


Prometemo nu tuti frari de questa sancta congregation insembremente che, se algun de nui per la volentà de Dio sera ocupà da infirmità, quello devotamente visitaremo e veglaremo e guardaremo quello, segundo che li nostri degani de' aver annuncià. Se algun de nu queste cosse desprixiarà, emende ala nostra fraternità soldi V de dinari veniciani; ma se lo infermo per lo giudixio de Dio mora, cum quello devemo andar ala glexia, e lì per devotion de l'anema soa e de tutti li fedel morti devemo far dir messa, e zascaduno de nu debia oferir dinari II, l'uno al prevede e l'altro al primocirio nostro, se nui lo averemo, over ali nostri gastaldi per far dir messe de quili, e dita la messa, devemo cum quello andar ala sepoltura e quel sepelire, s'el serà mestiero: qual de nuy desprixiarà far questo, emende ala nostra fraternità soldi V de veniciani, se questo forssi no romagnirà per ignorancia. [p. 22 modifica]


Capitolo II.


Devemo una fiada a l'ano adunarse insembre per far reficion insembre, per la qual zascaduno de nui diè pagar ala volontà deli nostri gastaldi, se forssi per absencia, zoè ch'el no se fose in la tera, o per povertà non romagnise, e l'altro seguente semeientemente adunarse ala glexia e far dir messa per redemption dele aneme nostre, zoè de tuti li fedele morti; et in quella fiada zascaduno de nui debia oferir II dinari, l'uno al prevede e l'altro al primocirio, se nui lo averemo, over ali nostri gastaldi per far dir messe; alora zascaduno de nui debia dar IIII dinari veniciani per lumenaria. Qual de nu no farà como è dito de sovra, compona ala nostra fraternità soldi V de veniciani: e la mita dela dita lumenaria sia oferta in la nostra glexia dela biada verzene Maria; e l'altra mità ala glexia del monestier del biado San Nicolado confessor sia portada.


Capitolo III.


Se algun de nui per povertade, o per alguna caxon sovrastando caderà in tribulation, nu tuti devemo egualmente cum grande alegreza alturiar quelo; se alguno de nui dele sovradite cosse no farà, excepto che per infirmità, over s'el fose lonzi in viazo, o in via in quela fiada dela tribulation no averà guardado, como è dito de sovramente, che men possa adimplar, qual de nui queste cosse non vorà fare, ala nostra fraternità emenda soldi V de veniciani; perchè nui credemo ch'el Signor è patiente e misericordioso e no abandona i pregi deli so servi; e sicomo elo exaudì li priegi de Maria e de Marta e resusità Lazaro del molumento puzolente, quarto dì era, così se degne de perdure le aneme di soy servi in lo requio deli santi, per li qual nui demandemo la misericordia de quelo. [p. 23 modifica]


Capitolo IIII.


Avemo eziandio fato sotoscriver li nome nostri per mazor fermeza de questa nostra promision, la qual promision nui confermemo segondo la normia canonica.


Capitolo V.


Quelui lo qual per superbia de questa congregation vorà exire, over romper o violar questa ordenation dela nostra fraternità, habia in contrario Dio pare onipotente, el Fio e 'l Spirto Santo e stega soto la blastema deli trexente dese et octo pare2 e cum Iuda traditor del nostro Segnor Ihum Xto sia danado in lo fuogo infernale, e mai non merite de complir la soa volontà. E quelo che sovra fi leto inviolabelmente fia osservà; e questa nostra promision stega sempre in la soa fermeza.


Capitolo VI.


Statuimo eciandio che alguno de nui no debia lavorar in lo dì delo sabado oltra vespero ; se algun contrafarà, over lavorarà, emenda ala nostra fraternità soldi V de veniciani.


Capitolo VII.


Volemo sovra zo fir oservà ch'el gastaldo e li soi consiieri, li qual serà per li tempi, non debia lezer gastaldo nè consiieri qualsia fradeli carnale, nè i primi cusini de queli. [p. 24 modifica]


Capitolo VIII.


Ancora ordenemo ch'el gastaldo e li soi consiieri debia far pasto a tuti li frar l'ultima domenega del mese d'agosto, debia far raxon dela intrada e dela insida dela fraternità in la antecedente domenega; e se illi contrafarà, debia eser demetudi dela dita gastaldia e in l'ano predito no sia in lo dito offitio.


Capitolo IX.


Statuimo eciandio, che quando lo gastaldo over altro in so luogo andarà a lavorar al comun de Veniexia, over altro, cum la comunitade deli maistri, over cum quantitade deli diti maistri, s'el serà dado a quelo XX soldi più de zo che sia dado ali altri maistri, volemo che li soldi XX comunamente sia partidi intro tuti li maistri che serà stadi a lavorar là.


Capitolo X.


Quando algun de nui serà clamado a capitolo e desprixiarà de vegnir, mende ala predita nostra fraternità soldi V de dinari veniciani.


Capitolo XI.


E se algun de nui per tuto lo nostro vescovado serà infermo, se mestier serà, nui per quelo devemo andar e quelo condure a Cloza, e quel veglar e guardar devemo, segondo che se conten de sovra, azunto questo, che li gastaldi no possa pignorar algum deli frar, se non cum licentia e meso de misier lo podestà.


Capitolo XII.


Dovemo in ogni logo dare l'uno a l'altro conseio, segondo serà mestier a nostro poder, salva la fedelità de mi[p. 25 modifica]sier lo doxe e dela podestà e del comun de Cloza. Qual adonca de nui non farà queste cosse in lo tempo abexognevol, emende ala nostra fraternità soldi XX de veniciani, salvo anpoi l'onore e la raxon delo segnor nostro misier lo doxe. E prometemo insembremente et in ogno vera fraternità.


Capitolo XIII.


Ancora che zascadun de nu non debia lavorar in li dì deli apostoli e deli vangelista, ni de san Nicolò, san Zane degolado, la conversion de san Polo, et ogna festa dela vergene Maria, san Blaxio, san Piero in chariega, san Zorzi, sancta Croxe, san Barnabe apostolo, san Michiel archanzelo, i santi marter Fele e Fortenado, san Cristoforo, san Vido e Modesto, santo Ermacora e Fortuna, sancta Margarita, sancta Maria Magdalena, lo Salvator nostro, san Lorenzo, san Domenego, san Francesco, san Martin. E tuto questo si è de consintimento e de voluntà del nostro misier lo vescovo de Cloza, che nui tuti debiamo celebrar lo Vener santo e tute le sovrascripte solempnità. Se algun contrafarà, emenda ala nostra fraternità soldi V.


Capitolo XIV.


Statuimo eciandio che alguno de nui no debia recever da sè algun puto messo ad altro maistro: e qui contrafarà a questo capitolo emende, ala nostra congregation lib. V de dinari veniciani.


Capitolo XV.


Statuimo eciandio che alguno maistro dela nostra fraternità non possa tor alguno lavoriero de calchar sovra de si da soldi XX; chi farà contra emende soldi XL, nè eciandio ose tore alguna ovra da capolare o da forare. [p. 26 modifica]


Capitolo XVI.


Nui tuti frar de questa congregation volemo et ordenemo tuti li capitoli sovrascriti, salvando la juridition de misier lo podesta in mille duxento nonantacinque a di sedexe del mese de otubrio in lo tempo de misier Marcho Zito gastaldo e deli soi consiieri, misier Zane Volia, Bartoloto Ganbaro, Domenego Inviciado. Conzofosecosa ch'el fose stadi a capitolo congregado cento e trentacinque frari de questa sancta congregation, ordenà fo per li cento e XXXV frar in concordia, che da mo inanzi fermamente sia oservà, che li gastaldi, li qual serà per li tempi, debia eser e seder ananzi la glexia de biado misier san Iacomo apostolo in Cloza per intender diligentemente tute scuxe dali nostri frar dele pene infrascrite, zoè de quili che lavora lo sabado oltra nona e li dì de domenega e dele feste ordenade nostre. E li altri capituli tuti intendudi e aldude le sense, se li gastaldi e li so conseieri vederà le so sense eser iuste, abia podestà de lasar a queli la pena; e se le sense no li pararà iuste, page la pena segondo li soi ordenamenti.


Capitolo XVII.


Statuimo che da mo ananti algun dela nostra fraternita no ose lavorar ad alguna persona alguno lavorier senza el so paron, over so messo: se alguno contrafarà, emende ala nostra fraternita soldi X.


Capitolo XVIII.


Statuimo e comandemo che algun deli eleti a far gastaldo e li soi compagni in lo tempo de quela elicion non possa eser eleto gastaldo nè so compagno, nè elicion in al[p. 27 modifica]gun deli prediti eleti in algun modo possa esser celebrada; e se la sera celebrada, non sia ferma.


Capitolo XIX.


Statuimo e comandemo inviolabelmente eser oservà, che algun dela nostra fraternita no ose bruscar in li dei3 dela domenega, de sabado, e le feste solene: se algun farà contra, soldi V de venician ala nostra fraternita debia mendar.


Capitolo XX.


Queste sovrascrite adicione fate fo corando l'ano dela incarnation del nostro Segnor Ihesum Xsto mille e trexente nove del mese de novembrio, indicion otava in lo tempo del nobil homo misier Ugolino Iustiniano honorevol podestà de Cloza, siando gastaldo misier Marco Zito; e ordenà fo le sovrascrite cose de volontà e de consintimento de tuta la fraternita.


Capitolo XXI (A)


In lo terzo rezimento del nobil e savio segnor misier Nicolò Quirini dala Cha' mazore, honorabel podestà de Cloza in dì de domenega XXVIJ de setenbrio corando in4 mille trexento e cinque indicion terza, seando congregada la fraternità deli galafadi a voxe de comandador et a son de campana in la glexia de santo Andrea, li qual fo per numero LVIIJ calafadi a provedere sovra lo modo e la forma de far gastaldo e consieri de l'arte deli galafadi per l'ano proximo che deverà vegnir et a li ananti ad ano ad ano; e fato lo partido ali busoli cum le balote, plaxe a tuti li prediti, eceto ch'a quatro, che non è eletore queli ali quali serà tocà aver li breve sorte over balote; congregadi in lo conseio deli galafadi debia eser a lezer uno gastaldo e quatro [p. 28 modifica]conseieri, che debia durar al so oficio per uno ano. Li qual eletore zure ale sancte evangelie de Dio de elezer boni e suficiente alo dito ofitio dela gastaldia e dela conseiaria.


Capitolo XXI (B)


Mille e trexento e quarantasete del mese de Otubrio in lo tempo del nobel e savio misier Piero Civran, honorevol podestà de Cloza, scrite fo queste cosse trate a semplo dela mariegola e deli capitoli dele arte deli galafadi, siando gastaldo dele arte deli galafadi sier Francesco de Renaldin5, sier Francesco Bolso, sier Nicolò Polo dito Centoferi, sier Piero Vaxilio, sier Mengo Dugiero.


Capitolo XXII.


Ancora che zaschaduno de nui lase ala soa morte ala nostra fraternita per merito de l'anema soa quelo che li inspirerà in cor so.


MCCCCXLVI.


Questi sono certi capitoli, i quali nui fradeli avemo fati cum consentimento de misier Francesco Foscari, illustrissimo Doxe de Veniexia et de misier Lorenzo Loredan, honorevel podestà de Chioza.


Capitolo I.


S'el fosse alguno che desviase alguno fante d'altrui del mestier, page lire diexe.


Capitolo II.


Item ancora s'el fose alguno che andese a desviar quando alguno fese qualche merchà over lavorìer, mende ala scuola livre cinque de pizoli. [p. 29 modifica]


Capitolo III.


Item ancora che nesuno da ino avanti possa dar da lavorar a nesuno forestiero senza licentia del gastaldo in pena de soldi cento.


Capitolo IV.


Item volemo che nesuno forestiero non possa lavorar prima no paga uno ducato.


Capitolo V.


Ancora volemo che, se el gastaldo e i compagni no anderà ogni domenega al banco, page soldi diexe.


Capitolo VI.


Ancora volemo che tuti i fradeli page ogni santa Maria de mezo Agosto soldi diese per omo de luminaria.


Capitolo VII.


Ancora volemo che, se nessuno averà alguno lavorier, che i maistri non sia pagadi, over d'acordo con el paron, ch'el maistro del squero, o veramente quelo che tirerà in tera, page ala scuola livre X, e sia tegnudo pagar la maistranza, che averà lavorado in el dito lavorier.


Capitolo VIII.


Ancora volemo, che quando alguno serà chiamado a capitolo e non vegna, page ala scuola soldi X per chadauna fiada. [p. 30 modifica]


Capitolo IX.


Ancora volemo ch'el gastaldo e i compagni possa far tuor e pegnorar da diese soldi in zoso per el dito nonzolo, e se li incurierà, al nonzolo page altri X soldi.


Capitolo X.


Ancora volemo che, s'el serà fato gastaldo o compagni che i refuderà, page ala scuola soldi cento de pizoli.


MCCCCXLVII. a dì 18 Zener.


Capitolo XI.


Item ancora che chadaun inaistro che farà barche da piè XX infino piè XXVI debia dare ala nostra fraternitade soldi quatro per chadauna barca.


Capitolo XII.


Item se algun farà barche da piè XXVI in suso fino a piè XXXII page ala nostra fraternitade soldi oto per cadauna fiada che farà barcha dela dita raxon.


Capitolo XIII.


Item ancora, se algun farà navilio da piè XXXII in su perfino ala portada de bote XXVIII, paga ala dita scuola soldi XX per chadaun navilio ch'el farà.


Capitolo XIV.


Item, se algun farà navilio che sia da bote XXVIII in su, paga soldi quaranta per ogni fiada. [p. 31 modifica]


Capitolo XV.


Item, che quando averà besogno mandare maistranza in algun luogo per meso della nostra segnoria, ch'el gastaldo debitamente sia ubligado de butare le (et) tole cosi de elo chomo dei compagni, i qual maistri el dito gastaldo i diè a presentare là dove avese de bexogno. El dito gastaldo, che serà per i tempi, sia ubligado de fare pagar i diti maestri che haverà lavorado.


MCCCCXLVII a dì XXIX Zener


Capitolo XVI.


Item fo preso parte che chadaun che averà bexogno de maistri per fare lavorieri, possa tuor maistri pagando uno soldo al dì per chadaun maistro.


MCCCCXLVIIIJ a dì 8 Fevrer


Capitolo XVII.


Siando congregada in la giexia de misier san Iacomo la maistranza de marangoni e chalafadi, nui fosemo in numero maystri de marangon e chalafadi in tuto XIV a provedere sovra el fato del gastaldo che serà per i tempi, de eser meritado, quando l'avese de besogno andare a Veniexia over in altro luogo in beneficio dela scuola, fo determinado ch'el gastaldo dovese aver per la soa persona a suò spexe soldi XXIV. E se el gastaldo farà spexe, le qual apartegna ala scuola, sia satisfato in tuto de quelo che lui averà speso. [p. 32 modifica]


Capitolo XVIII.


Item ancora fo determinado, ch'el gastaldo over i compagni debia andar una volta ala domanda6 per i squeri solamente per vedere chi contrafarà ai nostri ordeni, e per vedere se nesun dei nostri maistri fose in necesitade de alguna cossa per sovegnire queli segondo la nostra mariegola, e per vedere quali che farà barche e altri lavorieri che sia ubligadi ala nostra mariegola.


Capitolo XIX.


Item fo statudo per unione de tuti dodese i fradeli, che a honor de Dio sia fato dir una messa ogni luni per l'anime nostre e di nostri morti, la qual sia dita al altaro de san Zuliano in la chiesa de misier sancto Andrea desegnado per el capelano zoè pre' Iacomo Sabain a misier Bortolamio Piton castaldo e compagni.



Note
  1. Per il Prologo latino v. Poli o. c.
  2. E non: «tresente e de sancto pare», come si trova nei documenti dove l'errore è evidente, v. Poli op. cit.
  3. dei sta in luogo di die usato tanto in sing. che in plurale.
  4. Da leggersi el?
  5. «e conseieri» pare doversi aggiungere per il senso.
  6. Forse da leggersi «dòmada» (settimana)?