Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo IIII.


Avemo eziandio fato sotoscriver li nome nostri per mazor fermeza de questa nostra promision, la qual promision nui confermemo segondo la normia canonica.


Capitolo V.


Quelui lo qual per superbia de questa congregation vorà exire, over romper o violar questa ordenation dela nostra fraternità, habia in contrario Dio pare onipotente, el Fio e 'l Spirto Santo e stega soto la blastema deli trexente dese et octo pare1 e cum Iuda traditor del nostro Segnor Ihum Xto sia danado in lo fuogo infernale, e mai non merite de complir la soa volontà. E quelo che sovra fi leto inviolabelmente fia osservà; e questa nostra promision stega sempre in la soa fermeza.


Capitolo VI.


Statuimo eciandio che alguno de nui no debia lavorar in lo dì delo sabado oltra vespero ; se algun contrafarà, over lavorarà, emenda ala nostra fraternità soldi V de veniciani.


Capitolo VII.


Volemo sovra zo fir oservà ch'el gastaldo e li soi consiieri, li qual serà per li tempi, non debia lezer gastaldo nè consiieri qualsia fradeli carnale, nè i primi cusini de queli.

  1. E non: «tresente e de sancto pare», come si trova nei documenti dove l'errore è evidente, v. Poli op. cit.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/23&oldid=62553"