Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo IX.


Ancora volemo ch'el gastaldo e i compagni possa far tuor e pegnorar da diese soldi in zoso per el dito nonzolo, e se li incurierà, al nonzolo page altri X soldi.


Capitolo X.


Ancora volemo che, s'el serà fato gastaldo o compagni che i refuderà, page ala scuola soldi cento de pizoli.


MCCCCXLVII. a dì 18 Zener.


Capitolo XI.


Item ancora che chadaun inaistro che farà barche da piè XX infino piè XXVI debia dare ala nostra fraternitade soldi quatro per chadauna barca.


Capitolo XII.


Item se algun farà barche da piè XXVI in suso fino a piè XXXII page ala nostra fraternitade soldi oto per cadauna fiada che farà barcha dela dita raxon.


Capitolo XIII.


Item ancora, se algun farà navilio da piè XXXII in su perfino ala portada de bote XXVIII, paga ala dita scuola soldi XX per chadaun navilio ch'el farà.


Capitolo XIV.


Item, se algun farà navilio che sia da bote XXVIII in su, paga soldi quaranta per ogni fiada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/30&oldid=62560"