Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo VIII.


Ancora ordenemo ch'el gastaldo e li soi consiieri debia far pasto a tuti li frar l'ultima domenega del mese d'agosto, debia far raxon dela intrada e dela insida dela fraternità in la antecedente domenega; e se illi contrafarà, debia eser demetudi dela dita gastaldia e in l'ano predito no sia in lo dito offitio.


Capitolo IX.


Statuimo eciandio, che quando lo gastaldo over altro in so luogo andarà a lavorar al comun de Veniexia, over altro, cum la comunitade deli maistri, over cum quantitade deli diti maistri, s'el serà dado a quelo XX soldi più de zo che sia dado ali altri maistri, volemo che li soldi XX comunamente sia partidi intro tuti li maistri che serà stadi a lavorar là.


Capitolo X.


Quando algun de nui serà clamado a capitolo e desprixiarà de vegnir, mende ala predita nostra fraternità soldi V de dinari veniciani.


Capitolo XI.


E se algun de nui per tuto lo nostro vescovado serà infermo, se mestier serà, nui per quelo devemo andar e quelo condure a Cloza, e quel veglar e guardar devemo, segondo che se conten de sovra, azunto questo, che li gastaldi no possa pignorar algum deli frar, se non cum licentia e meso de misier lo podestà.


Capitolo XII.


Dovemo in ogni logo dare l'uno a l'altro conseio, segondo serà mestier a nostro poder, salva la fedelità de mi-

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/24&oldid=65495"