Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo XVIII.


Item ancora fo determinado, ch'el gastaldo over i compagni debia andar una volta ala domanda1 per i squeri solamente per vedere chi contrafarà ai nostri ordeni, e per vedere se nesun dei nostri maistri fose in necesitade de alguna cossa per sovegnire queli segondo la nostra mariegola, e per vedere quali che farà barche e altri lavorieri che sia ubligadi ala nostra mariegola.


Capitolo XIX.


Item fo statudo per unione de tuti dodese i fradeli, che a honor de Dio sia fato dir una messa ogni luni per l'anime nostre e di nostri morti, la qual sia dita al altaro de san Zuliano in la chiesa de misier sancto Andrea desegnado per el capelano zoè pre' Iacomo Sabain a misier Bortolamio Piton castaldo e compagni.


Nota. — Nella copia della Curia manca dalla linea 186 alla 235 e dalla 240 alla 253.

  1. Forse da leggersi «dòmada» (settimana)?
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/32&oldid=62562"