Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo XV.


Item, che quando averà besogno mandare maistranza in algun luogo per meso della nostra segnoria, ch'el gastaldo debitamente sia ubligado de butare le (et) tole cosi de elo chomo dei compagni, i qual maistri el dito gastaldo i diè a presentare là dove avese de bexogno. El dito gastaldo, che serà per i tempi, sia ubligado de fare pagar i diti maestri che haverà lavorado.


MCCCCXLVII a dì XXIX Zener


Capitolo XVI.


Item fo preso parte che chadaun che averà bexogno de maistri per fare lavorieri, possa tuor maistri pagando uno soldo al dì per chadaun maistro.


MCCCCXLVIIIJ a dì 8 Fevrer


Capitolo XVII.


Siando congregada in la giexia de misier san Iacomo la maistranza de marangoni e chalafadi, nui fosemo in numero maystri de marangon e chalafadi in tuto XIV a provedere sovra el fato del gastaldo che serà per i tempi, de eser meritado, quando l'avese de besogno andare a Veniexia over in altro luogo in beneficio dela scuola, fo determinado ch'el gastaldo dovese aver per la soa persona a suò spexe soldi XXIV. E se el gastaldo farà spexe, le qual apartegna ala scuola, sia satisfato in tuto de quelo che lui averà speso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/31&oldid=62561"