Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Capitolo III.


Item ancora che nesuno da ino avanti possa dar da lavorar a nesuno forestiero senza licentia del gastaldo in pena de soldi cento.


Capitolo IV.


Item volemo che nesuno forestiero non possa lavorar prima no paga uno ducato.


Capitolo V.


Ancora volemo che, se el gastaldo e i compagni no anderà ogni domenega al banco, page soldi diexe.


Capitolo VI.


Ancora volemo che tuti i fradeli page ogni santa Maria de mezo Agosto soldi diese per omo de luminaria.


Capitolo VII.


Ancora volemo che, se nessuno averà alguno lavorier, che i maistri non sia pagadi, over d'acordo con el paron, ch'el maistro del squero, o veramente quelo che tirerà in tera, page ala scuola livre X, e sia tegnudo pagar la maistranza, che averà lavorado in el dito lavorier.


Capitolo VIII.


Ancora volemo, che quando alguno serà chiamado a capitolo e non vegna, page ala scuola soldi X per chadauna fiada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/29&oldid=62559"