Mariegola de la scuola de san Marco dei calegheri

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
25%.svg
Qualità del testo: sto testo no'l xe stà gnancora trascrito par intiero.
Mariegola de la scuola de san Marco dei calegheri
1300-1330 ca.
Edission e fonte ▼
Sto testo el xe la mariègola, cioè el statuto, de l'antica scuola dei calegheri de san Marco a Ciosa (N.d.R.)
[p. 45 modifica]
MARIEGOLA DELLA SCUOLA DI SAN MARCO
DEI CALEGHERI



In nome de Dio e dela gloriosa Vergine Mare Madona santa Maria e per la gratia del glorioso e benedecto eguangelista, mesier sen Marcho, per nostra devucion e per sustentacion dei homeni chalegeri maistri e lavoranti de questa tera de Chioça, è arlievà questa benedeta compagnia e fradelità de fradaja de la scola del benedeto guagnelista misier sen Marcho; per sua devotion li fa questa mariegola da novo, chè per la perdeda de Chioça el fo persa quella che aveva la dita scuola.

In la qual mariegola vechia se contegniva questo capitolo che dixeva chussì, ch'el non de devesse eser altre persone, so no quelli che lavorava de l'arte dela calegaria, çoè maistri e lavoranti dela ditta arte; e chussì volemo ch'el se oserva.

E sì volemo che tuti i capitolarij, che nui savaremo che i era suxo la mariegola vechia, sia metudi per ordine in questa de tuti i fradeli de la dicta compagnia.

E sì volemo che la festa de mesier sen Marcho, che se fa a dì vinticinque de aprile, al vesparo de la vigilia, (che) sia metudo el confalon in piaza davanti la giesia de misier sen Iachomo per i gastaldi che se trovarà in quel tempo, e che i debia inpiar el cesendelo e impiar i candeloti, eser tuti i fradeli con devocion al dicto vesparo e lo dì dela festa. Ancora meter lo dicto confalom la matina e lasarlo star per infina dicto vesparo; el dì dela festa tuti i fradei debia eser a la messa grande, e quando se vorà dir el guangelio chadun dei fradeli debia portar una candela im[p. 46 modifica]piada e meterla a l'altar e star con devocion infina che serà compida la dita messa; e compida la dita messa, tuti i diti fradeli debia andar in locho honesto e tuti de compagnia far una bona choacion sichomo fradei e eser tuti de bona voluntae. Si fosse algun de loro, che se portase odio, chadaun sia tegnudi de manifestarli e là farli far bona paxe e concordia.

Anchora avanti che i se parta, i debia far uno gastaldo e un compagno da nuovo, e che i gastaldi vechi debia designar tute le raxon dela dita scuola ai gastaldi nuovi, çoè de fito de chaxe e dela luminaria e de messe, de cera e de tuto quello che aspecta a l'intrada chomo dela insida; el confalum, la cera, i denari e tuto quello che è dela scuola debia consignar entro le man dei gastaldi novi per desegnare sora uno quaderno; e chussì de ano in ano su quel quaderno scrivere quelli che (h)anno le case a fitto, el mileximo, el mexe, el dy. [...]





[PAGINA MANCANTE] [p. 47 modifica]






[PAGINA MANCANTE]





[p. 48 modifica]quel lavorente di oto, da può che quel maistro averà dito: truovate iuviamento; e cussì lo lavorente debia far asaver alo maistro digando: io non voio più lavorar con ti, truovate; e quel lavorente sia tegnudo de lavorar oto di con quel maistro, e ch'el maistro che dia da lavorar a quel lavorente non debia dar lavorieri a quel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Anchora volemo che ogni anno el dì de misier sen Marcho d'aprile, (che) el sia leta la mariegola a tuti i fradelli e a quelli che intrerà in la dita scuola, perchè quando nesun non obedise le dite condition, che i non ebia scuxa de dir: io non voio eser descaçudo, chè io non lo saveva.

Anchora volemo che da qui innanci, (che) chadaun fradello, che sia dela scola, sia tegnudi de esser al vespero dela viçilia e ala messa granda del çorno de san Marcho de aprile sotto pena de soldi quatro per cadauna fiada, salvo iusto impedimento; il qual impedimento debia eser chiarido per li gastaldi che se troverà per li tempi, over per lo capitolo dela scola; la parte sottoscritta fo de si XIIII e de no nulla.

Ancora volemo che da qui innanci, (che) cadaun fradel sia tegnudo, quando mancarà alcuno fradello1, a compagnarlo ala sepultura sotto pena de soldi sie per cadauna fiada, salvo iusto impedimento; el qual impedimento die esser chiarito chomo è dicto de sopra; la parte sottoscrita2 fo de si XIIII e de no fo nulla. [p. 49 modifica]


1492 adi 25 April


Ancora è sta presa questa parte, che nessun lavorente nè maistro de l'arte dela chalegaria in questa scuola, s'el non haverà le do parte deli fradeli de sì, non rimagna: et chaso che el romagna, paga ala scuola soldi quaranta per intrada.

Ancora è sta presa quest'altra parte, che nissun non possa far botega nè levar botega del dito mestier, s'el maistro non paga ala dita scuola per levar la botega ducati 130 do. Al chapitolo fradeli tredese; et do de no.


1514 adi 25 April


Anchora l'è stato preso per parte, che da mo indiedro chadauno fradello de questa nostra scuola dieba ogni ano nel zorno dela festa de misier san Marco, nostro protector, tuor dala scuola nostra predicta uno3 pan et una candella et pagar soldi quatro per cadauno fradello.

Anchora azò che questa nostra scuola, la qual è impotente et ha bisogno non puocho de aiuto, se possa cum lo poder et aiuto deli sui membri, che siamo nui fradelli, subvegnir nele sue occorente necessità et bisogni, l'è stato preso per parte, che tuti li maistri de botega che sono al presente o che sono stati per lo passato et per lo avegnir vorano far botega, che cadauno, che al presente è maistro di botega, dieba pagar lire tre de piccoli; et simelmente [p. 50 modifica]quelli che sano stati et per lo avegnir la vorano renovar, etiam loro pagar diebano lire tre de piccoli; et che li forestieri, li quali per lo avegnir vorano far botega in questa citade, pagar debino a questa nostra scuola ducato uno ananti che loro fazano la botega; li quali tuti danari vadano sempre a benefitio dela scuola.

Item che niuno forestiero possa vender scarpe vechie nè nuove in questa cita, s'el non paga ducato uno ala scuola, excepto a tempi de fiera.

Ala qual balotation et far de Capitolo el ge sono stati fradelli vinti tre, deli quali XXI è stato in favor et doi contrarij essendo stati ballotadi li Capitoli praedicti a bosoli o balote.



Nota. — m finale in luogo di n, che spesso si trova, è da attribuirsi ad arbitrio dell'amanuense e dipende da reminiscenza forse grafica di tale terminazione così frequente in latino.




Note
  1. A questo punto furono omesse, perchè pura ripetizione, le parole: che çaschaduno debia esser... ecc.
  2. Nel Codice si legge «soprascrita».
  3. In luogo di uno nel Codice si legge so no.