Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


MARIEGOLA DELLA SCUOLA DI SAN MARCO
DEI CALEGHERI



In nome de Dio e dela gloriosa Vergine Mare Madona santa Maria e per la gratia del glorioso e benedecto eguangelista, mesier sen Marcho, per nostra devucion e per sustentacion dei homeni chalegeri maistri e lavoranti de questa tera de Chioça, è arlievà questa benedeta compagnia e fradelità de fradaja de la scola del benedeto guagnelista misier sen Marcho; per sua devotion li fa questa mariegola da novo, chè per la perdeda de Chioça el fo persa quella che aveva la dita scuola.

In la qual mariegola vechia se contegniva questo capitolo che dixeva chussì, ch'el non de devesse eser altre persone, so no quelli che lavorava de l'arte dela calegaria, çoè maistri e lavoranti dela ditta arte; e chussì volemo ch'el se oserva.

E sì volemo che tuti i capitolarij, che nui savaremo che i era suxo la mariegola vechia, sia metudi per ordine in questa de tuti i fradeli de la dicta compagnia.

E sì volemo che la festa de mesier sen Marcho, che se fa a dì vinticinque de aprile, al vesparo de la vigilia, (che) sia metudo el confalon in piaza davanti la giesia de misier sen Iachomo per i gastaldi che se trovarà in quel tempo, e che i debia inpiar el cesendelo e impiar i candeloti, eser tuti i fradeli con devocion al dicto vesparo e lo dì dela festa. Ancora meter lo dicto confalom la matina e lasarlo star per infina dicto vesparo; el dì dela festa tuti i fradei debia eser a la messa grande, e quando se vorà dir el guangelio chadun dei fradeli debia portar una candela im-