Lettera di Nico Calafato dalla Prigione a sua Moglie

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Lettera di Nico Calafato dalla Prigione a sua Moglie
1573
←  Mattinata a Cate Edission e fonte ▼ Biglietto di Nico Calafato alla Perina  →
[p. 96 modifica]
LETTERA


DI NICO CALAFATO DALLA PRIGIONE


A SUA MOGLIE


Per no aver pena nè caramal,
     Perchè in preson no ghe xe ste zavate,
     3Te scrivo co la ponta del pugnal;
E sì te prego, cara la mia Cate,
     Perchè l'amor se cognosse a sti passi,
     6Che ti vogi conzar ste papolate.
Faràve in sta preson pietà ai sassi!
     Che diese che me fava de bereta,
     9Adesso i stà con mi sul farme arlassi.
Se ben, colona, ti la meni streta,
     (Perchè mi so 'l to' viver sin in cao,
     12Cussì no fustu co' ti è povereta!)
No me lassar morir qua desperao;
     Tra i to' drapi e i mii pochi ch'è da ti
     15Vedi de far tanto che sia cavao.
Sti me cavi sta volta, se mai pì
     Fio de putana me mete in preson
     18Che possa morir schiavo del Sofì!

[p. 97 modifica]

Un'altra volta co' farò custion,
     O sarò bandizà per morte de omo,
     21O i me menerà in pezzi in camuzon.
Mi ghe n'ò conzà cento con un pomo,
     E questa aponto, che no ghe pensava;
     24I te me l'à cargà da galantomo!
Vegniva a cà co la mia sepa brava,
     E co la mia insalata capucina,
     27Con un soldo de ravani e de fava,
E quà; co' so' per mezo la Mocina,
     Fazendo de bareta al Capitelo,
     30Sento quatro da drio che me sassina;
Vogio in quelo cazzar man al cortelo...
     Perchè no aveva le mie arme indosso?
     33In sta zufa la cena è andà in bordelo;
E vogio meter man, e sì no posso,
     Nè abiando altra difesa che la vose,
     36Me son messo a criar a pì non posso,
Credo che m'abia aldìo infina el Dose:
     Oh Cate, sti me avessi aldìo a criar,
     39Ti te averessi ben fata la crose!
Pur no ò podesto tanto reparar
     Ch'a mio marzo despeto so' al coverto,
     42Ma te so dir ch'i à avudo da tirar.
Mì, se mai più vegno al descoverto
     Se no fazzo in t'un dì le mie vendete
     45Abime, o Cate, a tior per un deserto.

[p. 98 modifica]

Nico è un cert'omo po che co 'l se mete...
     Basta, gnente, no vogio insir pì fora;
     48Son gonzo, sia con Dio, son da gazete.
Ah sorte cagna, sorte traditora!
     Vago in leto ben spesso col pugnal,
     51E ancuo l'aveva messo in salamora?
Orsù, quando el diè cascar un mal,
     Pota de mi! no ghe val quanto inzegno
     54Ga tuti i proti mai de l'Arsanal.
Go pur anca mi qualche desegno,
     E sì me lasso, oh Dio, condur in piazza
     57Senz'aver per difesa pur un legno?
Mare, la grinta e 'l tossego me amazza,
     Cavame se ti vol, cavame presto,
     60Altramente el to fusto va a la mazza.
El to Nico, o speranza, fa del resto;
     Prima perchè me trovo qua in sto fuogo,
     63E po per ti, che xe pezo de questo.
Chi sa che ti no zoghi a qualche zuogo
     No vedando la mia ombra per casa;
     66Che calcun altro no sia intrà in mio liogo!
Mo chi sarà quel sbrico che te basa?
     Nol sa certo colù che me fa torto
     69Che come descoverzo qualche rasa,
El zorno drio de subito l'è morto?
     El me xe tanto a mi mazzar un bravo,
     72Co' te sarave a ti magnar un storto.

[p. 99 modifica]

Varda ben, Cate fia, chi te xe schiavo;
     Varda chi ti à per cà, donca, ben mio;
     75Dime con tuto el cuor, Nico, te cavo;
Va col to caro pegno dal Zudìo,
     Ch'a ogni modo co isso, a la fè, fia,
     78Tel scuodo con dar via tanto del mio;
Tel scuodo al corpo de Dona Custìa.
     Senti, prova sta volta, e se te falo
     81Fame un rebufo, e dime vilanìa;
Se stago qua do' dì certo me amalo,
     Gh'è rospi, ghe xe schiavi, e altra zente,
     84E ora mai ò granceole zonte al palo.
Chi no ga soldi fa le male stente;
     Mi no ghe n'ò ch'i ò spesi tuti a cena,
     87E adesso la fazzo a un fil perdente.
Pota de i zafi! mo i me l'à dà piena;
     Ma basta, ah cani, ancora no so' fuora,
     90E se Nico no v'onze un dì la schena
Che 'l so' fin sia s'un ponte o s'una stuora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lettera_di_Nico_Calafato_dalla_Prigione_a_sua_Moglie&oldid=49624"