Biglietto di Nico Calafato alla Perina

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Biglietto di Nico Calafato alla Perina
1573
←  Lettera di Nico Calafato dalla Prigione a sua Moglie Edission e fonte ▼ Imprecazioni di Nico Calafato  →
[p. 100 modifica]
BIGLIETTO DI NICO CALAFATO


ALLA PERINA


Son d'una grisa vogia, son sì fiaco
     Come se avesse tolto medesina.
     3Da che vien, cara fia, che son sì straco?
Dìmelo, cara suor, cara Perina;
     So ben mì che ti sa' la mia natura;
     6Confortame, te prego, cara Nina.
Fame carezze, adora sta fegura;
     Son pur colù che fa sluser la casa!
     9E infin che ti me vedi, sta segura.
Zafame a brazzacolo, strenzi e basa;
     Son tuto rovinà, tio' quel zibeto,
     12Onzime el peto, e po le cegie e nasa.
T'ingrugni el muso? astu qualche sospeto?
     Certo ti pensi che sia stà da Cate.
     15No barbotar; dì via, parlame schieto.
Ti rogni sempre, ti fa' co' le gate;
     Sto to' far te consuma, povereta...
     18Eh tendi a viver, no far co' fa le mate.

[p. 101 modifica]

Te vòi trovar un dì 'na massareta
     Che me vegnirà drio col cesto in Piazza
     21Per no lassarte star cussì soleta;
E vòi comprarte un papagà, una gazza,
     Del basegò, una zelosia, un spechio;
     24Alegrate mo adesso, e vien m'abrazza.
No far la schiavonessa, con dir nechio,
     Che se te meto po' le man atorno
     27Te pelo tuta sin al petenechio;
Ch'astu trovà, che ti crii ogni zorno,
     Da un mese in qua, da matina a sera?
     30Mi taso pur co' cato pan in forno.
Vegno straco da Piazza anca gersera
     Con menole, con ravani e salata;
     33Ti crii deboto che son stà a la guera.
O credo che con mi ti fa la gata;
     Perchè ti vedi che mi fazzo el gonzo,
     36O pur ti vol che te fazza una nata.
Varda che per la rogna mi te onzo,
     State tranquila, e tiente in cervelo
     39O no passa oto zorni che te ponzo.
Te fidistu forsi col dir che mì ò martelo?
     No sastu che per poco la me monta,
     42Che te farave de la panza un crielo?
El par ch'ogni mio mal vogia la zonta;
     Varda chi me gradisse e chi m'ingrinta
     45Che tute le rebeco per la ponta.

[p. 102 modifica]

Quatro ti me n'à fato; orsù a la quinta;
     Che te despogio a mo' un san Zuan de Zugno;
     48Co' à fato Zan Fracao un dì a la Tinta.
Vardate co' ti vedi che m'ingrugno,
     E tiente ben a l'erta; che co' taso
     51La vol bogier, e presto scampa un pugno;
E po' mi finzerò de darte un baso,
     E cussì pien de grinta, a dreto, a storto;
     54Te portarò coi denti via el naso,
E co la prima Nave ch'è sul Porto
     Farò po' vela, e trucherò in Levante;
     57E questo è 'l mio pensier, el mio conforto;
Che ti ti perderà el naso e l'amante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Biglietto_di_Nico_Calafato_alla_Perina&oldid=49625"