Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/98

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Nico è un cert'omo po che co 'l se mete...
     Basta, gnente, no vogio insir pì fora;
     48Son gonzo, sia con Dio, son da gazete.
Ah sorte cagna, sorte traditora!
     Vago in leto ben spesso col pugnal,
     51E ancuo l'aveva messo in salamora?
Orsù, quando el diè cascar un mal,
     Pota de mi! no ghe val quanto inzegno
     54Ga tuti i proti mai de l'Arsanal.
Go pur anca mi qualche desegno,
     E sì me lasso, oh Dio, condur in piazza
     57Senz'aver per difesa pur un legno?
Mare, la grinta e 'l tossego me amazza,
     Cavame se ti vol, cavame presto,
     60Altramente el to fusto va a la mazza.
El to Nico, o speranza, fa del resto;
     Prima perchè me trovo qua in sto fuogo,
     63E po per ti, che xe pezo de questo.
Chi sa che ti no zoghi a qualche zuogo
     No vedando la mia ombra per casa;
     66Che calcun altro no sia intrà in mio liogo!
Mo chi sarà quel sbrico che te basa?
     Nol sa certo colù che me fa torto
     69Che come descoverzo qualche rasa,
El zorno drio de subito l'è morto?
     El me xe tanto a mi mazzar un bravo,
     72Co' te sarave a ti magnar un storto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/98&oldid=64129"