Lettera a Paolo Stella

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  L'Elefante Edission e fonte ▼ Brindisi contro l'Abate Marienis  →
[p. 238 modifica]
NOTA alla Lettera Stella.

Il mancar di parola fu sempre tenuta la cosa più vile del Mondo, singolarmente quando si tratta di compromettere la tranquillità d'un amico.

Il Sig. Paolo Stella spedizionere di professione è reo verso l'autore di questa macchia, poichè avendogli affidato per poche ore le mie Ottave sull'Elefante, non solamente ne fece trarre una copia da suoi giovani di banca, ma la diede in terza mano e fu causa della sua promulgazione deformando per corollario di gentilezza il manoscritto coll'ignoranza propria di uno spedizionere e de' suoi emanuensi.


Epistola a Paolo Stella.


In quei ani sior Paoleto
     Che mi fresco dal cavielo
     Co le fùbe e col sacheto
     Me pareva d'esser belo;
In quei ani ch'el Sanser
     Come el sudito al Sovran
     Chiacolava col banchier
     A capelo sempre in man;
Che da l'abito e dal muso
     El signor contrassegnà
     No podeva andar confuso
     Co la spia, col desperà;
La parola nel mercante
     Tanto sacra se stimava
     Che spuzzava da birbante
     Chi un pocheto scantinava.
Da sta spezie di esordieto
     Da sto ziro a la lontana
     Za la vede sior Paoleto
     Un principio de fumana.

[p. 239 modifica]

Guai per ela se prudenza
     No me tien el caldo indrio
     Caro assae de l'insolenza
     La me pol pagar el fio.
Gò materia go argomento
     Da tocar più d'un cantin
     Se nuarghe vogio drento
     E cavarme el bruseghin.
Ma me basta un esalada
     Tra mì e ela sior Paoleto
     Per el resto in carizzada
     De star sempre ghe prometo.
Da un processo rigoroso
     Che no posso tegnir sconto
     Reo convinto e scandaloso
     La risulta sul mio conto,
El so torto xè palese
     E l'oribile magagna
     La qualifica in paese
     Per un celebre lasagna.
Per un omo che no crede,
     Che mancar sia d'onestà
     El tradir parola e fede
     Co al secreto el sa impegnà.
La perdona sior Paoleto
     Se me cresse la fumana
     Ma l'azion ghe parlo schieto
     Xè da fio de una putana.
E la sa con che fadiga,
     No stimandola za un cazzo,
     La permeta che lo diga
     Go da in man quel scartafazzo.

[p. 240 modifica]

„ Fe à la regola ecezion
     „ Distinguè da pasta a pasta
     „ De copiar mi no so bon
     „ Vogio lezerlo e me basta,
„ La parola xe el mio forte
     „ A le do son da Florian
     „ Fulminar me possa morte
     „ Se lo dago via de man.
E a le do za palpitante
     Su l'abuso del secreto
     Possessor de l'Elefante
     Mi l'ò fata sior Paoleto.
A sto passo le brisiole
     Za me vien per ela al muso
     E son la per dir parole
     Che a la betola xè in uso.
Dame ajuto Apolo Santo
     Tieme Apolo in curizzada
     Ma l'azion xè porca tanto
     Che no vedo più la strada.
Se un ebreo depositario
     Fusse sta de quel pacheto
     Mi no vedo gran divario
     Da lù a ela sior Paoleto.
Ghe ne indormo a menachen
     La so fede xè da can
     L'è una fede che no tien
     Che a la grega tol la man.
Noto pur ghe xè per Dio
     Che se rompo ancora el cesto
     Da Lanceti (o che pio pio)
     Minacià me xè l'aresto!

[p. 241 modifica]

Che in principio de l'inverno
     Co le reduce in paese
     Procurar me pol sto terno
     Un ricorso del Marchese.
Che l'è un Russo lasagnon
     Ma che in fondo se ghe diol
     El castigo, e la preson
     Stà in arbitrio di chi vol,
Che de gloria monumento
     Come in bloco in altri dì
     El tornar tre mesi drento
     No xè adesso più per mì.
Che compagni al dispiacer
     Gò tre cari fantolini
     La Madona, e la mugier
     Che no sorbe che i mi nini.
E a dispeto de sti mali
     Che gò dito, e go ridito
     A copisti materiali
     La consegna el manoscrito!
Per far presto per zimbelo
     De mì povero merloto
     Quatro scribi (giusto cielo!)
     La gà cuor de meter soto.
Quatro scribi che xè in pratica
     De spropositi al so banco
     E che in drio fin de gramatica
     Fala i versi o lassa in bianco.
Ne contento de sto tiro
     Che la cresema ignorante
     Perchè el furto vada in ziro
     La propaga l'Elefante.

[p. 242 modifica]

Vien da mi chi lo possede
     A burlarse del mistero
     Varda, i disse, in chì la fede,
     Ti à logà mona de Piero!
Ride e chiassa a le mie spale
     Torli in culo e zizoloti
     Per i campi e per le cale
     I ghe zonta i so stramboti.
Deformà da mile orori
     Che un aborto lo riduse
     Gode nobili fautori
     Sparpagnarlo e darlo in luse.
Samitecolo lo impresta
     A Priuli a Molineto
     E cussì de cresta in cresta
     El và in man de Soranzeto,
In ste man cercar ritegno
     L'è un butar parole al vento
     Soranzeto pien d'inzegno
     Ghe lo leze a più de cento,
5oranzeto altisonante
     Se lo recita a memoria
     Del mio povero Elefante
     Fin i posti sà la storia.
Vache publiche e private
     Se lo gode a mio dispeto
     E sta fufa a le culate
     Ghe la devo a sior Paoleto.
La ringrazio e me riservo
     Se in aresto finirò
     Co più forza co più nervo
     De zontar quel che vorò.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lettera_a_Paolo_Stella&oldid=58636"