La regata de Venezia/V. Corsa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
← IV. Benedizion e istruzion Edission e fonte ▼
[p. 36 modifica]
V.


CORSA.


Oramai son al momento
     De la Corsa de parlar;
     E de cuor ghe dago drento
     4Senza farme più aspetar.

Tuto in regola xe pronto;
     Tuto a l'ordine xe messo;
     E per questo fazzo el conto
     8Che tardar no sia permesso.

Xe za i Bravi al so spagheto,
     E el canon ghe dà el segnal:
     Za levà xe 'l fazzoleto;1
     12E xe in moto ogni rival.

Le Bissone vien avanti,
     E ai Campioni ghe fa strada;
     Za i se mete tuti quanti
     16Co fervor a la vogada.

Gran aplausi e bati-man,
     Gran susuro e gran schiamazzo
     Ve dà aviso da lontan
     20Che i xè entrai nel Canalazzo.

[p. 37 modifica]


Ognun pàlpita e sospira
     Per quel tal che più ghe preme,
     E tremante l'ochio el zira,
     24Perchè in còa lu se lo teme.

L'atenzion ai Regatanti
     Tuti porta in ogni sito:
     Ghe fa angossa ai circostanti
     28Quel teribile conflito.

Ma za queli de la sfida
     Bada sempre al so mestier:
     Che se pianza, che se rida,
     32Eli tende al so dover.

Ogni Bravo spenze a forte
     Quando curvo, e quando alzà,
     No pensando che a la sorte,
     36A la qual incontro el và.

Sfende l'acqua, che resiste
     Del so remo la paleta;
     Ma lu fraca, preme, e insiste,
     40E più core la barcheta:

E fra l'onde e fra la spiuma
     Che fa i remi nel vogar,
     Za da l'ochio la ve sfuma
     44Che incantài dovè restar.

Se sta i Prodi da vicin,
     E se disputa la gloria
     Cussì ben, che sin al fin
     48Resta in dubio la vitoria.

[p. 38 modifica]


Mal prevede chi prevede
     Che qualcun sia 'l favorìo,
     Che co manco lu lo crede
     52Forse quelo resta indrìo.

La và a forza, la và a tàtica,
     La và a cuor, la và a destrezza;
     E dipende da la pratica
     56De far tuto co sveltezza.

Quei che gà una bona schena,
     Boni brazzi, e bon polmon,
     Nel vogar i gà più lena,
     60E i xe manco in aprension.

Ma se vede anca fra lori
     Che gh'è pur disparità;
     E che resta vincitori
     64Queli più che ghe ne sa.

Quando un Bravo passa l'altro
     Gh'è gran strèpito de eviva;
     Ma se dopo, da più scaltro,
     68Quelo indrìo davanti ariva,

Dai amici e dai parenti
     Xe dà el segno del vantagio;
     E i aplausi in quei momenti
     72Ghe radopia el so coragio.

Su da l'acqua i sginzi salta,
     Che per aria i par brilanti,
     E cascando i se rebalta
     76Su la schena ai Regatanti.

[p. 39 modifica]


Co sti sginzi e col süor
     Che ghe còla da per tuto,
     Eli struca proprio 'l cuor,
     80Perchè un pelo no i gà suto.

Gh'è de queli che no dura
     De la corsa a la metà,
     Perchè a tuti la natura
     84Tanta forza no gà dà.

E per questo voìontarii
     I se cazza in qualche rìo,
     Dove sina i so contrarii
     88Co pietà ghe varda drìo.

Cussì donca fra 'l silenzio
     Sti infelici pol scampar;
     Mentre resta atento el publico
     92A chi seguita a vogar.

Tuti i Bravi xe dal popolo
     Ogni trato infervorài:
     Za le man se sente a sbaterghe,
     96E per nome i xe chiamài.

E li écita, e li stimola,
     Sempre andando co le bone,
     I Paroni, che ansiosissimi
     100Ghe sta a lai co le Bissone.

Assae spesso anca la musica
     De animarli fa l'efeto,
     E co i và a la méta solita,
     104E coi i torna dal paleto.

[p. 40 modifica]


Co sti impulsi tuti i muscoli
     Se ghe mete in pien vigor;
     E xe alora che più spirito
     108Eli gà per farse onor.

Più vicini che i xè al termine,
     E più i spèssega nel corso,
     Come fa i cavali al Pàlio
     112Spironàdi e senza morso.

Za da novo i passa in furia
     Soto el Ponte de Rïalto;
     E ghe fa la zente aplausi,
     116Che fracàda xe là in alto.

Da quel sito a tuto comodo,
     Co i segnali de la gloria,
     I se vede la gran Machina
     120Che li aspeta a la vitoria.

I so sforzi quà i moltìplica
     Per sto trato de Canal;
     Longo sì, ma essendo l'ultimo
     124Con lu i tèrmina ogni mal.

Arivai al ponto estremo,
     Tra i eviva de la zente,
     Gà vantagio chi col remo
     128Dar sà el colpo più potente.

Eco infati che trionfante,
     Perchè ben l'ha dà sta scossa,
     El più bravo Regatante
     132Gà za in man bandiera rossa.

[p. 41 modifica]


E quel premio el porta via
     In virtù de una vogada,
     Che 'l secondo gavarìa
     136Se 'l l'avesse più fracada.

Questo prova che destrezza
     In sti do xe squasi ugual:
     Che de poco in arditezza
     140L'un a l'altro ghe preval.

Co le man, co i fazzoleti
     Tuti al primo ghe fa feste;
     Quando l'altro senza obieti
     144La bandiera gà celeste.

Quà gh'è replica de aplausi
     Per i primi vincitori;
     Mentre vien chi chiapa i premii,
     148Che gà i altri do colori.

Finalmente ariva i ultimi,
     Anca questi pur famosi,
     De un trïonfo testimonii
     152Disputà da valorosi.

Za se sente in aria un susio
     Dipendente dal rumor,
     Che fa queli, i quali annnzia
     156Vincitor per vincitor.

Chi xe in premio pianta subito
     Su la prova la bandiera:
     Zira in volta pien de giubilo,
     160E ridente el gà la ciera.

[p. 42 modifica]


Tuti quanti se congratula,
     Lo saluda, e ghe dà lode:
     Chi lo basa, chi lo strucola;
     164E lu intanto se la gode.

Quel dal zalo col porcheto
     Tien in barca sta bestiola,
     Che gà al colo un galaneto,
     168E che ciga a piena gola,

Perchè tenta el so paron
     De ficarla soto prova;
     Ma per far sta operazion
     172I so sforzi no ghe zova.

Quando 'l popolo la vede,
     E le urlàe la sente a dar,
     Xe in alora che sucede
     176Un bacan particolar.

Chè se sforza questo e quelo
     A fischiar e bater man;
     E per questo gh'è un bordelo
     180Che 'l se sente un mìo lontan.

E finìa la prima Corsa,
     Per la qual chi vince ride,
     Gà ugualmente sta risorsa
     184I premiài ne l'altre sfide.

Chè de gondole e bateli
     Le Regate se faceva;
     Ma ele dopo, e prima queli
     188Ben s'intende, se vedeva.

[p. 43 modifica]


E bateli infati e gondole
     Con un remo comparìva;
     E po queli, e quele in seguito
     192Co do remi via vegnìva.

In sto modo nel spetacolo
     Quatro Corse aveva logo:
     E chi amava sto esercizio
     196Procurà gaveva un sfogo.

Qualche volta un quinto pàlio,
     Co i colori relativi,
     Gera dà a le done in prèmio
     200Per uguali tentativi.

Perchè aponto anca le Fèmene,
     Per el più da Pelestrina,
     Le voleva far in publico
     204La so mata Regatina.2

E vestìde da vilane
     Co de pagia un capelin,
     Coragiose e cortesane
     208Le tentava el so destin.

Sta so impresa assae piaseva,
     E meteva in bon umor,
     E ele intanto le intendeva
     212A la patria farghe onor.

La Regata za finìa,
     Per Canal se solazzava
     Fin che 'l sol andava via
     216Chi 'n le barche se trovava.

[p. 44 modifica]


Maravegia sorprendente
     Gera insima sto solazzo,
     Per trovarse pien de zente
     220Squasi mezo el Canalazzo.

E de fati fra le sponde
     Tante barche lu gaveva
     Che coverte gera l'onde,
     224Nè più l'acqua se vedeva.

Co vogada sconta a moverse
     I sforzava quel cortegio
     Cussì folto che fra 'l popolo
     228Stava apena un gran de megio.

E pareva cossa magica
     A vedèr che galegiava
     Se dirave squasi un'isola,
     232Che su e zò col moto andava.

E de longo, e nel voltar
     Tanto studio ghe meteva
     Quei che gera drìo a vogar,
     236Che mai gnente sucedeva,

Terminando donca tuto
     Senza un ete de disordine,
     No vegniva de un minuto
     240Alterà la quiete e l'ordine.

E chi in acqua, e chi per tera,
     Da alegrezza trasportài,
     Quei lodava che in bandiera
     244Per bravura gera andài.

[p. 45 modifica]


E notài da molti subito
     Gera i nomi tuti quanti,
     E i cognomi dei più celebri,
     248E famosi Regatanti,

E per questo in varie pàgine
     Mi go visto registrài
     Chi da circa mezo secolo3
     252Gà podesto esser premiài.

Gò trovà infati memoria
     Dei Marzàri, e dei Toscan,
     Dei Palossi, Céola, e Fritola;
     256E dei Tondo, e Padovan.

Dei Vendeta, dei Zemèlo;
     Dei Tamèghe dei Catùlo;
     Dei Pachion, dei Saba, e Belo;
     260Dei Schiaoncin, dei Zanco e Bulo.

Dei Rosseto, Stramba, e Musico,
     Panadèlo e Morosini,
     Pomolato e Balinzàtera,
     264Tagiapiera, e Tomasini.

Dei Marchiori, dei Fabiani,
     Longo, Chìa e Pelegrinoti,
     Dei Silvestri, e Pretegiani,
     268Dei Falcier, e Bagaroti.

Dei Pistùchia, e Voltolina,
     Arborante, e Calderan,
     Rudi, Grossi, Dèo, e Marina,
     272Pano, Gelmo, e dei Zulian.

[p. 46 modifica]


Angelini, e Valentini,
     Pedràli, Angioli, e Novelo;
     Dei Rufini, Forzolini,
     276Caburloto, e dei Vianelo.

Nomi questi tuti celebri
     De Regata ne l'istoria;
     E dei quali senza termine
     280Sarà cara la memoria.

Me dispenso de discòrerve
     Dei momenti i più felici
     Che passava quei dal prèmio
     284Fra i parenti, e fra i amici.

Za pol tuti far el calcolo
     Che i godeva in proporzion
     De l'afano e de l'angustia
     288Che i provava in ste ocasion.

De sto publico spetacolo
     Che Venezia usava dar
     Ai Monarchi, ai Duchi, ai Prencipi,
     292Quà fenisso de parlar.

Barcaroli! ho dito tuto:
     Imitè i vostri antenati:
     Chiame 'l Cielo in vostro ajuto:
     296Siè devoti, e moderati.

Rispetève, e siè prudenti;
     A Fazion no ghe abadè;
     Sarà alora che contenti
     300Sempre più ve chiamarè.

[p. 47 modifica]


Feve franchi de maestrìa,
     Per dar prove de valor:
     Recordeve de Maria,
     304Recordève de l'onor.



FIN.



Note a cura de l'autor
  1. [p. 63]Quegli che presiedeva alla mossa de' Regatanti allo sparo del cannone dava il segnale preciso della loro partenza alzando all'uopo un fazzoletto bianco.
  2. [p. 63]Le donne vogavano anch'esse in Regata con battelli a due remi, ed avevano la mossa non come gli altri Regatanti presso all'accennata Motta di Sant'Antonio, ma solamente dal punto della Dogana poco distante dalla Chiesa della Salute.
  3. [p. 63]Da circa mezo secolo. — Infatti, per non aumentare di troppo le strofe di questa poesia con semplice cognomi di Regatanti premiati, e per fare menzione di quelli unicamente di fresca data, la maggior parte dei quali presentemente vive, e tutti poi dagli abitanti di questa Città possono essere conosciuti, ed almeno ricordati, l'Autore si è riferito soltanto alle Regate e Corse ch'ebbero luogo in Venezia dall'anno 1797 a tutto l'anno 1844. Di queste Regate e Corse l'Autore medesimo si è dispensato di stampare l'Elenco che si era procurato, dappoichè reputò di fare cosa più grata al pubblico consegnando invece a' torchii il lavoro che il suo gentile amico Emmanuele Antonio Cicogna, eruditissimo delle cose patrie, gli ha mandato a questo soggetto con illustrazioni degne della sua dottrina, e colla seguente Lettera, che lo stesso poeta, per modestia, non voleva fare di pubblica ragione; ma cui dovette rassegnarsi, tale essendo il desiderio del chiarissimo Scrittore, ed il consiglio di amici sicuramente imparziali e sinceri.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_regata_de_Venezia/V._Corsa&oldid=66204"