L'insonio

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il sogno
(L'insonio)
databile tra el 1748 e el 1762
Edission e fonte ▼
[p. 215 modifica]
IL SOGNO

DIALOGO

TRA

SUOR GRAZIOSA, E SUOR FLAVIA

CONVERSE NEL MONISTERO

DE' SS. BIAGIO, E CATALDO ALLA GIUDECA

Per la Vestizione di due Dame

Sorelle Cornaro.


OTTAVE VENEZIANE.


1Flavia. SIA ringrazià el Signor, e la Madona,
     San Biasio, e san Cataldo benedeto.
     L'Avemaria del dì sento, che i sona:
     Oe, Suor Graziosa, levè su dal leto.
Graziosa. Ah m'avè 1 desmissià (Dio vel perdona)
     Che vedeva in 2 insonio un Anzoletto.
Flavia. 3 Contemelo sto insonio. Graziosa. Adesso no.
     L’Avemaria disemo, e vel dirò.

2Flavia. „ L'angelo del Signor nunziò Maria 4,
     „ E feconda restò di santo amore.
     „ Il Ciel ti guardi, Vergine Maria,
     „ Piena di grazia, sia teco il Signore.
     „ In fra le Donne benedetta sia,
     „ Benedetto del ventre il frutto, e il fiore;
     „ Santa Maria, Madre di Dio, e consorte,
     „ Prega per noi, ora, e alla nostra morte.

[p. 216 modifica]


3Graziosa. „ Ecco quì del Signor l'umile ancella;
     „ Sia fatta in me la volontà di Dio.
     „ Dio ti guardi, Maria, Vergine bella,
     „ Piena di grazia; è teco il Signor pio.
     „ Te fra le Donne benedetta appella;
     „ E benedetto il frutto, che ne uscìo;
     „ Santa Madre di Dio, prega il tuo Figlio
     „ Per noi adesso, e all'ultimo periglio.

4Flavia. „ E la parola, che 'l Signore ha detta,
     „ Carne si fece, ed abitò fra Noi.
     „ Iddio sia teco, Vergine diletta,
     „ Piena di grazia, con i doni suoi.
     „ Vergine, fra le Donne benedetta,
     „ Benedetti del ventre i frutti tuoi,
     „ Maria, Madre di Dio, pe 'l peccatore
     „ Prega adesso, e alla morte il Redentore.

5Graziosa. Così sia. Suor Flavia. Così sia. Presto conteme;
     Un Anzolo avè visto? Suor Graziosa. Sì, Sorela,
     De contarlo st'insonio anzi me preme.
     Giera le do Cornere in tuna Cella,
     Che le fava orazion tute do insieme.
     L'Anzolo ghe compar, co fa una stella.
     Tute do el le saluda, el ghe dà man,
     E 'l le 5 conduse in Campaniel pian pian.

6Flavia. Mi in Campaniel no ghe son stada più
     Da l'occasion de Santa Marta in qua 6.
Graziosa. L'Anzolo le compagna in fin de su,
     E 'l ghe dise: Vedeu quella Città?
     Venezia bella no xe più per vu,
     Adesso, che el Signor v'ha menà qua,
     Vardè là da lontan, come savè,
     Che ha vardà Palestina el bon Moisè.

[p. 217 modifica]


7Flavia. L'Istoria de Moisè sul Monte Santo
     L'ho sentia tante volte a predicar,
     E la xe bella, e la me piase tanto,
     Che gh'ho gusto a sentirmela a contar.
Graziosa. Venezia, che in sto Mondo ha fama e vanto,
     (L'Anzolo dise) No se pol chiamar
     Terra promessa, in paragon di quella,
     Che ve aspetta nel Ciel Città più bella.

          8Moisè per pena della scarsa fede,
     Perchè do volte l'ha battù la Piera,
     Sotto i so occhi Palestina el vede,
     E al Paese promesso andar nol spera.
     Ma Dio, che tutto fa, tutto provvede,
     Dona a Moisè felicità più vera,
     Premio delle fadighe, e del so zelo:
     La so terra promessa el trova in Cielo.

9Flavia. Questo me par a mì senso uniforme
     Alle parole delle Sacre Carte.
Graziosa. L'Anzolo a ste Damine in cento forme
     Gh'ha scoverto Venezia in ogni parte,
     Disendoghe: Vardè quelli, che dorme
     In 7 Ninzioli de renso in auree porte,
     Fursi ve parerà, che i sia contenti,
     Ma i nutrisse nel cuor mille tormenti.

          10Quei scrigni d'oro, e quelle ricche zoggie,
     Quei abiti superbi recamai
     No basta miga a saziar le voggie,
     Che chi ghe n'ha, no se contenta mai.
     Xe causa l'ambizion de mille doggie,
     Xe dall'invidia i animi occupai.
Flavia. Bisogna confessar donca, sorella,
     Che la Terra promessa no xe quella.

11Graziosa. El ghe seguita a dir: Vardè quei tali,
     Che passa el tempo alle conversazion.
     Vardè quei Zoghi, vardè là quei bali,
     Vardè là quella piazza, e quel liston 8
     Vardè el magnar, che causa tanti mali,
     Dove che se consuma el meggio e el bon!
     Quanto più alla salute è confacente,
     No l'avaro dezun, ma el sofferente.

[p. 218 modifica]


12Flavia. Respondevele gnente quelle do
     Zentildonne modeste, e virtuose?
Graziosa. No m'arecordo ben: ma ho visto, e so,
     Che le se fava el segno della Crose.
     Me par, che le volesse vegnir zo,
     Per no veder ste scene dolorose;
     E l'Anzolo gh'ha dito: No sorelle,
     Che ve voggio mostrar cosse più belle.
     
          13Vardè là quela casa benedetta,
     Dove sè tutte do vegnude al Mondo;
     Là vederè, che la virtù perfetta
     Rende ai vostri Parenti el cuor giocondo.
     Vardè la vostra Genetrice eletta,
     Che d'amor, che de grazie ha el cuor fecondo;
     Vardè el Fradello, che la Patria onora,
     E un pezzetto più in là vardemo ancora.
     
14Flavia. I Anzoli certo i gh'ha la facoltà
     De veder, e far veder da lontan.
Graziosa. Roma in tun batter d'occhio el gh'ha mostrà,
     Dove nel gran Palazzo Venezian
     L'altra Sorella specchio de bontà
     Xe col so sposo, e col Missier Sovran,
     Dissendoghe de più: Per onor vostro
     L'ha abuo l'educazion drento in sto Chiostro.
     
          15E tornando a Venezia, el gh'ha indicà
     L'altra Sorella, che xe al Corpus Domini,
     E le amie amarose, che xe qua,
     E de Casa Corner tuti i grand'omini.
     El seguitava a dir; ma xe sonà,
     Come che avè sentio, l’Angelus Domini.
     Sè vegnua, d'amicizia in testimonio,
     A desmissiarme, e xe fenìo l'insonio.

16Flavia. Questa, Sorella cara, a parer mio,
     Digo, che la xe stada una vision.
     Ancuo per grazia del Signor Iddio
     Ste do Sorelle le fa profession,
     E se cognosse, che in sto logo pio
     Le ghe vien tutte do per vocazion.
     E acciò ghe riessa el Monistier giocondo,
     L'Anzolo gh'ha mostrà cossa xe el Mondo.

[p. 219 modifica]


          17Perchè tuti no gh'ha la sorte bella
     De star al Mondo con quella prudenza,
     Come ha fato la Madre, e la Sorella,
     Per pura grazia della Providenza.
Graziosa. Ho sentio a sonar la Campanella,
     Credo, che le ne chiama a l'ubbidienza.
     Andemo a parecchiar quel, che bisogna;
     No se femo aspettar, che xe vergogna.

18Flavia. Avanti che i prencipia la fonzion,
     Mettemo zo l'insonio, che avè fato,
     E femo far una composizion
     Da qualche omo de garbo letterato.
Graziosa. Certo! Perchè el ne canta sta canzon:
     Andè via, no me fe deventar mato!
     Co i se prega sti fiori, i volta el grugno,
     Par, che in tel muso se ghe daga un pugno.
     
          19E se de far qualcossa i xe sforzai
     Da un Patron, da un amigo, o da un'amiga,
     I ve fa quattro versi stiracchiai,
     Pur che i scriva per forza, e pur che i diga.
Flavia. E quei, che per aver i buzzolai
     Poverazzi, se strussia, e se sfadiga?
Graziosa. Chi lo fa co sto fin, xe un bell'aloco.
Flavia. 9 Gramarcè se ghe dise, e no xe poco.




Note a cura de l'autor
  1. Risvegliato.
  2. In sogno.
  3. Raccontatemi.
  4. Parafrasi dell'Angelus Domini, e dell'Avemaria.
  5. La conduce sul Campanile.
  6. Dal Campanile di questo Monistero si domina la laguna, e si può vedere il corso, che è solito farsi la sera della Vigilia di Santa Marta.
  7. Lenzuola di rensa.
  8. Passeggio delle Maschere in Piazza San Marco.
  9. Gran mercè.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=L%27insonio&oldid=52384"