Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/227

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



          17Perchè tuti no gh'ha la sorte bella
     De star al Mondo con quella prudenza,
     Come ha fato la Madre, e la Sorella,
     Per pura grazia della Providenza.
Graziosa. Ho sentio a sonar la Campanella,
     Credo, che le ne chiama a l'ubbidienza.
     Andemo a parecchiar quel, che bisogna;
     No se femo aspettar, che xe vergogna.

18Flavia. Avanti che i prencipia la fonzion,
     Mettemo zo l'insonio, che avè fato,
     E femo far una composizion
     Da qualche omo de garbo letterato.
Graziosa. Certo! Perchè el ne canta sta canzon:
     Andè via, no me fe deventar mato!
     Co i se prega sti fiori, i volta el grugno,
     Par, che in tel muso se ghe daga un pugno.
     
          19E se de far qualcossa i xe sforzai
     Da un Patron, da un amigo, o da un'amiga,
     I ve fa quattro versi stiracchiai,
     Pur che i scriva per forza, e pur che i diga.
Flavia. E quei, che per aver i buzzolai
     Poverazzi, se strussia, e se sfadiga?
Graziosa. Chi lo fa co sto fin, xe un bell'aloco.
Flavia. 1 Gramarcè se ghe dise, e no xe poco.

  1. Gran mercè.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/227&oldid=62338"