Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 1.djvu/223

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL SOGNO

DIALOGO

TRA

SUOR GRAZIOSA, E SUOR FLAVIA

CONVERSE NEL MONISTERO

DE' SS. BIAGIO, E CATALDO ALLA GIUDECA

Per la Vestizione di due Dame

Sorelle Cornaro.


OTTAVE VENEZIANE.


1Flavia. SIA ringrazià el Signor, e la Madona,
     San Biasio, e san Cataldo benedeto.
     L'Avemaria del dì sento, che i sona:
     Oe, Suor Graziosa, levè su dal leto.
Graziosa. Ah m'avè 1 desmissià (Dio vel perdona)
     Che vedeva in 2 insonio un Anzoletto.
Flavia. 3 Contemelo sto insonio. Graziosa. Adesso no.
     L’Avemaria disemo, e vel dirò.

2Flavia. „ L'angelo del Signor nunziò Maria 4,
     „ E feconda restò di santo amore.
     „ Il Ciel ti guardi, Vergine Maria,
     „ Piena di grazia, sia teco il Signore.
     „ In fra le Donne benedetta sia,
     „ Benedetto del ventre il frutto, e il fiore;
     „ Santa Maria, Madre di Dio, e consorte,
     „ Prega per noi, ora, e alla nostra morte.

  1. Risvegliato.
  2. In sogno.
  3. Raccontatemi.
  4. Parafrasi dell'Angelus Domini, e dell'Avemaria.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_1.djvu/223&oldid=59634"